Condividi:

George W. Bush: “Orgogliosi del nostro Paese ferito”

“Siamo orgogliosi del nostro Paese ferito”, ha detto George W. Bush, presidente Usa all’epoca degli attentati, partecipando alla cerimonia in corso a Shanksville, Pennsylvania. Luogo dove si schiantò il volo 93 della United Airlines, dopo la reazione dei passeggeri che cercarono di fermare i terroristi. “Molte persone hanno fatto fatica a capire perchè la gente odiava l’America. C’è stato uno shock nel vedere l’audacia del male ma anche gratitudine nell’eroismo e nella dignità che l’ha contrastato. Dopo l’11 Settembre i nostri militari hanno difeso la nostra nazione, voi siete stati il volto della speranza portata in luoghi oscuri. A voi, che avete dato la vita, il nostro Paese sarà sempre grato”. Secondo Bush, quando si parla di “unire il Paese” i giorni dell’11 settembre sembrano lontani. I pericoli, infatti, non arrivano solo da fuori, ma anche dall’interno: “C’è una lieve sovrapposizione fra gli estremisti violenti fuori dai confini e quelli in casa che, nel loro disdegno per il pluralismo e la vita, sono figli dello stesso spirito ed è nostro compito combatterli”.

 

La commemorazione di Biden e Harris

Il presidente americano Joe Biden e la First Lady Jill Biden hanno lasciato Ground Zero per andare a Washington, al Pentagono, e poi in Pennsylvania, gli altri due luoghi colpiti dagli attacchi dell’11/9 del 2001. La vicepresidente Kamala Harris è a Shanksville in Pennsylvania, al memoriale delle vittime del volo United 93 insieme e all’ex presidente George W. Bush e a sua moglie Laura Bush. “I giorni che sono seguiti all’11 settembre ci ricordano che l’unità è possibile in America. L’unità è fondamentale: è essenziale per la nostra prosperità, per la nostra sicurezza nazionale”, ha detto la vicepresidente facendo eco all’appello all’unità lanciato da Biden ieri.

 

Trump: “Giorno triste, Biden si è arreso”

Secondo l’ex presidente Donald Trump, l’11 settembre è un “giorno triste” ma lo è anche il momento che stiamo vivendo “visto come si è chiusa la guerra contro coloro che hanno causato tanto dolore nel nostro Paese”. Nel videomessaggio di un minuto e 44 secondi, diffuso in occasione delle commemorazioni per l’attacco all’America, ha criticato Biden per il ritiro delle truppe dall’Afghanistan: “Il leader del nostro Paese è sembrato uno sciocco e questo non può mai essere permesso”, ha detto, parlando di “cattiva pianificazione, incredibile debolezza e leader che davvero non hanno capito cosa stava succedendo”. Il 20mo anno della guerra doveva essere un anno di vittoria, “invece Joe Biden e la sua inetta amministrazione si sono arresi”.

 

Al Qaeda celebra l’anniversario con la propaganda

 

I canali della rete di al Qaeda hanno iniziato a pubblicare online una massiccia campagna di propaganda sul web, con foto, video e articoli, legata alla celebrazioni degli attacchi in Usa dell’11 settembre. Lo riferiscono esperti del settore. “E’ qualcosa senza precedenti”, afferma tra gli altri Rita Katz, responsabile di Site, il centro di monitoraggio sul jihadismo. L’organizzazione ha pubblicato un video di 60 minuti con il leader, Ayman Zawahiri. Nel filmato dice che “Gerusalemme non sarà giudaizzata”, lo slogan era stato lanciato dopo la decisione dell’ex presidente Usa, Donald Trump di spostare l’ambasciata degli Stati Uniti da Tel Aviv a Gerusalemme.

Springsteen intona “I’ll see you in my dreams” a Ground Zero

 A sorpresa, Bruce Springsteen ha partecipato alla cerimonia a Ground Zero per commemorare le vittime dell’11 settembre nel ventennale degli attacchi terroristici. Il cantante, che nel 2002 ha pubblicato un album “The Rising” dedicato ai fatti dell’11 settembre, ha cantato “I’ll see you in my dreams”.

 

Il silenzio di Manhattan

Mentre inizia la cerimonia di commemorazione a 20 anni esatti dall’attacco alle Torri gemelle, è tutta blindata la zona attorno a Ground Zero. Giornalisti, troupe televisive di tutto il mondo e pubblico sono tenuti fuori dal recinto che comincia, a est, all’altezza di Church Street. Le transenne saranno tolte solo a mezzogiorno. I newyorkesi sono qui per rendere omaggio alle quasi tremila vittime di quell’attacco. Alle 8,46, l’ora del primo impatto dell’aereo dirottato sulla Torre nord, viene osservato un minuto di silenzio, atto che si ripete alle 9,03, quando anche la Torre sud venne colpita.

 

Una enorme bandiera degli Usa sul Pentagono

Una grande bandiera degli Stati Uniti copre parzialmente l’edificio del Pentagono, sede del Dipartimento della difesa Usa, all’alba del 20esimo anniversario degli attentati dell’11 settembre. L’edificio è stato uno dei tre siti contro cui si schiantò uno degli aerei dirottati, il volo 77 dell’American Airlines. Nell’impatto morirono 189 persone tra militari e civili, 125 delle quali lavoravano all’interno dell’edificio.

 

Di Maio a Blinken: “La minaccia terrorismo è attuale, l’Italia è con voi per contrastarla”

“In occasione del ventesimo anniversario degli attacchi terroristici alle Torri Gemelle, desidero esprimere a tutti i cittadini americani la mia più sentita vicinanza. Rinnovare la memoria di questo tragico evento è responsabilità di tutti coloro che credono ai nostri valori comuni. Quella barbara aggressione non colpì soltanto gli Stati Uniti, ma il mondo intero. Con la sua azione terroristica Al Qaeda volle colpire il messaggio universale di democrazia, libertà e dignità della persona”. Sono le parole che il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, ha scritto in una lettera al segretario di Stato statunitense, Antony Blinken, in occasione dell’anniversario degli attentati dell’11 settembre 2001. “Nonostante siano stati inferti duri colpi al terrorismo internazionale, la sua minaccia continua ad essere attuale. L’Italia proseguirà nel suo impegno volto a contrastarlo, al fianco degli Usa e dei partner internazionali. Il legame tra Roma e Washington, saldamente ancorato nella cornice transatlantica, è ora più che mai fondamentale per affrontare le sfide che si profilano sullo scenario globale”, conclude il suo messaggio.

Obama: “Usa patria di eroi, 20 anni dopo lo stesso coraggio”

Il ventesimo anniversario dell’11 settembre è l’occasione per una “riflessione su ciò che abbiamo imparato nei 20 anni trascorsi da quella terribile mattina”, ha detto l’ex presidente Usa Barack Obama. “Una cosa che è diventata chiara quel giorno è che l’America è sempre stata la patria di eroi che corrono verso il pericolo per fare ciò che è giusto”, aggiungendo che l’immagine di quel giorno non è solo la caduta delle Torri, ma anche i vigili del fuoco che salgono le scale mentre gli altri scendono, i passeggeri che decidono di prendere d’assalto la cabina di pilotaggio, i volontari disposti a mettere in gioco la propria vita. “Negli ultimi 20 anni, abbiamo visto lo stesso coraggio e altruismo”, l’11 settembre “ci ha ricordato come tanti americani diano se stessi in modi straordinari, non solo nei momenti di grande crisi, ma ogni singolo giorno. Non dimentichiamolo mai, e non diamolo mai per scontato”.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy