Condividi:
730 2010 - 730 2020 Precompilato sbagliato cosa fare: modifiche, integrazioni o correzione

Se il 730 precompilato non è corretto e/o completo il contribuente può modificarlo e poi inviarlo, utilizzando questa funzionalità. Il 730 potrete anche rettificarlo successivamente.

Se si invia utilizzando questa funzionalità, il 730 sarà considerato in ogni caso “Modificato” e di conseguenza non si usufruirà dei vantaggi previsti nel caso di accettazione senza modifica. Quindi, se occorre effettuare esclusivamente uno o più di questi interventi:

  • indicazione dei dati della nuova residenza, se cambiata dal 1° gennaio 2014 alla data di presentazione del 730 (se non è variato il Comune del domicilio fiscale);
  • indicazione del codice fiscale del coniuge non fiscalmente a carico, oppure la sua modifica se non è corretto;
  • richiesta di utilizzare in compensazione nel mod.F24, in tutto o in parte, il credito che risulta dal 730;
  • scelta di non versare gli acconti dovuti o versarli in misura inferiore a quanto calcolato;
  • richiesta di suddividere in rate mensili le somme dovute;
  • indicazione dei dati del sostituto d’imposta che effettuerà il conguaglio;
  • scelte per la destinazione dell’8, del 5 e del 2 per mille dell’Irpef

è opportuno utilizzare il pulsante “Accetta il 730 e invia“.

Se il contribuente deve solo inserire spese che danno diritto a una detrazione d’imposta o a una deduzione dal reddito (come ad esempio le spese mediche, quelle per attività sportiva per i figli, ristrutturazione di case, ecc.), può selezionare il pulsante “Modifica Quadro E“.

Invece, se il contribuente deve modificare anche altri quadri della dichiarazione, ad esempio per inserire redditi che derivano da acquisto di case, terreni, lavoro autonomo, crediti d’imposta, ecc., occorre cliccare su “Modifica 730“.

Vi ricordo inoltre che nelle istruzioni si legge che i Caf o i professionisti abilitati hanno l’obbligo di verificare che i dati indicati nel modello 730 siano conformi ai documenti esibiti dal contribuente (relativi a oneri deducibili e detrazioni d’imposta spettanti, alle ritenute, agli importi dovuti a titolo di saldo o di acconto oppure ai rimborsi) e rilasciano per ogni dichiarazione un visto di conformità (ossia una certificazione di correttezza dei dati).

Se il Caf o il professionista appone un visto di conformità infedele, è tenuto al pagamento di una somma pari all’importo dell’imposta, della sanzione e degli interessi che sarebbero stati richiesti al contribuente a seguito dei controlli formali da parte dell’Agenzia delle entrate (ai sensi dell’articolo 36-ter del D.P.R. n. 600 del 1973), sempre che il visto infedele non sia stato indotto dalla condotta dolosa o gravemente colposa del contribuente.

Se entro il 10 novembre dell’anno in cui la violazione è stata commessa il Caf o il professionista trasmette una dichiarazione rettificativa del contribuente oppure, se il contribuente non intende presentare la nuova dichiarazione, trasmette una comunicazione dei dati relativi alla rettifica, la somma dovuta dal Caf o dal professionista è pari all’importo della sola sanzione.

Prima dell’invio della dichiarazione all’Agenzia delle entrate e comunque entro il 7 luglio, il Caf o il professionista consegna al contribuente una copia della dichiarazione e il prospetto di liquidazione, modello 730-3, elaborati sulla base dei dati e dei documenti presentati dal contribuente. Nel prospetto di liquidazione sono evidenziate le eventuali variazioni intervenute a seguito dei controlli effettuati dal Caf o dal professionista e sono indicati i rimborsi che saranno erogati dal sostituto d’imposta e le somme che saranno trattenute.
Si consiglia di controllare attentamente la copia della dichiarazione e il prospetto di liquidazione elaborati dal Caf o dal professionista per riscontrare eventuali errori.

Ora talvolta mi scrivono alcuni lettori che i Caf non gli hanno consentito di detrarre delle spese che il contribuente riteneva giusto inserire. Il Caf non può obbligarvi a non inserirle sia chiaro.

Altro discorso invece è se fanno qualche errore. Per questo tema potete leggere l’articolo di approfondimento dedicato alla responsabilità del commercialista o del CAF per gli errori nella dichiarazione dei redditi anche se i principi possono essere applicata anche alla consulenza in generale che vi prestano.

Rettifica successiva al primo invio del 730

Se il contribuente riscontra errori commessi dal soggetto che ha prestato l’assistenza fiscale deve comunicarglielo il prima possibile, per permettergli l’elaborazione di un Mod. 730 “rettificativo”. Se, invece, il contribuente si accorge di non aver fornito tutti gli elementi da indicare nella dichiarazione, le modalità di integrazione della dichiarazione originaria sono diverse a seconda che le modifiche comportino o meno una situazione a lui più favorevole.

La trasmissione del 730 rettificato della dichiarazione rettificativa può essere effettuata a patto che non siate già stati oggetto di notifica da parte dell’agenzia delle entrate di una comunicazione di errori ex articolo  26, comma 3-ter, del regolamento di cui al DM n. 164 del 1999.

Quello che stupisce è che il Dottore commercialista qualora abbia apposto il visto di conformità e successivamente si sia accorto dell’errore può, indipendentemente dalla volontà del contribuente, inviare la dichiarazione rettificata.

Annullamento del 730 e nuovo invio

Altro elemento su cui riflettere potrebbe però riguardare la dichiarazione dei redditi presentata: qualora infatti vi accorgiate dall’avviso di irregolarità di aver commesso uno o più errori che potrebbero aver avuto effetto anche sulla dichiarazione dei redditi appena presentata vi ricordo che potreste aver bisogno di procedere all’annullamento. nel seguito trovate come si effettua l’annullamento del 730, quali sono i termini entro cui procedere e come si effettua in pratica.

Dal 25 maggio il contribuente che ha già trasmesso la dichiarazione dei redditi modello 730 deve prima di rettificare la dichiarazione procedere all’”Annullamento del 730″ qualora riscontri un errore o un omissione. Successivamente dovrà procedere alla trasmissione di una nuova dichiarazione sempre tramite web.

L’annullamento può essere effettuato una sola volta.

L’annullamento deve avvenire entro la scadenza del 22 giugno 2020. Operativamente si dovrà prima verificare che la ricevuta di trasmissione del 730 da modificare riporti la dicitura “Elaborato” e occorre accedere all’applicazione con le stesse credenziali utilizzate per l’invio. Se è stato compilato anche un modello Redditi aggiuntivo o correttivo del 730, bisogna prima cancellare i dati inseriti, cliccando su “Ripristina” nella sezione “Redditi aggiuntivo e correttivo/integrativo”.

Quando si annulla il modello 730 inviato, automaticamente viene rimosso anche il modello F24 eventualmente predisposto e nella sezione “Ricevute” è possibile controllare e stampare le ricevute dell’annullamento. Nel caso di dichiarazione congiunta, l’operazione di annullamento può essere richiesta solo dal dichiarante.

>>> Articolo di approfondimento gratuito sull’Annullamento della dichiarazione dei redditi 730

Riapertura dei termini per la presentazione del 730 precompilato

Sarà possibile procedere con un secondo invio del 730 per coloro che lo hanno già trasmesso e lo vogliono rettificare rientrando nel 730 secondo le modalità viste sopra e modificando a mano la dichiarazione e reinviarlo. La seconda versione sostituirà la prima. A breve dovrebbe essere trasmesso il provvedimento dell’agenzia delle entrate che comunica i termini di apertura.

Il termine per la correzione era il 29 giugno. Da quella data in poi per la correzione del 730 occorre presentare un 730 integrativo a un Caf o a un professionista dottore commercialista abilitato il nuovo 730 integrativo entro il 25 ottobre, oppure optare per la compilazione del modello Unico Persone Fisiche i cui termini scadono come di consueto il 30 settembre.

Nel caso in cui abbiate dimenticato di inserire una tipologia di reddito o in misura inferiore in quanto per esempio potrebbe non aver ricevuto in tempo la certificazione unica dovrete integrare il 730 e colui che non ha certificato il reddito non inviando la certificazione sarà soggetto a sanzione nella misura di 100 euro per ciascuna oltre al rischio di dichiarazione infedele.

Integrazione della dichiarazione 730 che comporta un maggiore credito, un minor debito o un’imposta invariata

Se il contribuente si accorge di non aver fornito tutti gli elementi da indicare nella dichiarazione e l’integrazione e/o la rettifica comportano un maggiore credito o un minor debito (ad esempio, per oneri non indicati nel mod. 730 originario) o un’imposta pari a quella determinata con il mod. 730 originario (ad esempio per correggere dati che non modificano la liquidazione delle imposte), a sua scelta può presentare entro il 25 ottobre un nuovo modello 730 completo di tutte le sue parti, indicando il codice 1 nella relativa casella “730 integrativo” presente nel frontespizio. Il Mod. 730 integrativo deve essere comunque presentato a un Caf o a un professionista abilitato anche in caso di assistenza precedentemente prestata dal sostituto. Il contribuente che presenta il Mod. 730 integrativo deve esibire la documentazione necessaria al Caf o al professionista abilitato per il controllo della conformità dell’integrazione che viene effettuata.
Se l’assistenza sul mod. 730 originario era stata prestata dal sostituto d’imposta occorre esibire al Caf o al professionista abilitato tutta la documentazione; presentare un modello UNICO Persone fisiche, utilizzando l’eventuale differenza a credito e richiedendone il rimborso. Il modello UNICO Persone fisiche può essere presentato entro il 30 settembre (correttiva nei termini) oppure entro il termine previsto per la presentazione del modello UNICO relativo all’anno successivo (dichiarazione integrativa a favore).

Integrazione della dichiarazione 730 in relazione esclusivamente ai dati del sostituto d’imposta

Se il contribuente si accorge di non aver fornito tutti i dati per consentire di identificare il sostituto che effettuerà il conguaglio Irpef  in busta paga o di averli forniti in modo inesatto può presentare entro il 25 ottobre un nuovo modello 730 per integrare e/o correggere tali dati. In questo caso dovrà indicare il codice 2 nella relativa casella “730 integrativo” presente nel frontespizio. Il nuovo modello 730 deve contenere, pertanto, le stesse informazioni del modello 730 originario, ad eccezione di quelle nuove indicate nel riquadro “Dati del sostituto d’imposta che effettuerà il conguaglio”.

Integrazione della dichiarazione in relazione sia ai dati del sostituto d’imposta sia ad altri dati della dichiarazione da cui scaturiscono un maggior importo a credito, un minor debito oppure un’imposta invariata

Se il contribuente si accorge sia di non aver fornito tutti i dati che consentono di identificare il sostituto che effettuerà i
l conguaglio (o di averli forniti in modo inesatto) sia di non aver fornito tutti gli elementi da indicare nella dichiarazione e l’integrazione e/o la rettifica comportano un maggior importo a credito, un minor debito oppure un’imposta pari a quella determinata con il modello 730 originario, il contribuente può presentare entro il 25 ottobre un nuovo modello 730 per integrare e/o correggere questi dati, indicando il codice 3 nella relativa casella “730 integrativo” presente nel frontespizio.

Integrazione della dichiarazione che comporta un minor credito o un maggior debito

Se il contribuente si accorge di non aver fornito tutti gli elementi da indicare nella dichiarazione e l’integrazione o la rettifica comporta un minor credito o un maggior debito deve utilizzare il modello UNICO Persone fisiche.
Il modello UNICO Persone fisiche può essere presentato:

  • entro il 30 settembre (correttiva nei termini). In questo caso, se dall’integrazione emerge un importo a debito, il contribuente dovrà procedere al contestuale pagamento del tributo dovuto, degli interessi calcolati al tasso legale con maturazione giornaliera e della sanzione in misura ridotta secondo quanto previsto dall’art. 13 del D. Lgs. n. 472 del 1997 (ravvedimento operoso); entro il termine previsto per la presentazione del modello UNICO relativo all’anno successivo (dichiarazione integrativa). In questo caso se dall’integrazione emerge un importo a debito, il contribuente dovrà pagare contemporaneamente il tributo dovuto, gli interessi calcolati al tasso legale con maturazione giornaliera e le sanzioni in misura ridotta previste in materia di ravvedimento operoso;
  • entro il 31 dicembre del quarto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione, salva l’applicazione delle sanzioni da parte dell’Amministrazione finanziaria (dichiarazione integrativa – art. 2 comma 8 del D.P.R. 322 del 1998).

La presentazione di una dichiarazione integrativa non sospende le procedure avviate con la consegna del modello 730 e, quindi, non fa venir meno l’obbligo da parte del datore di lavoro o dell’ente pensionistico di effettuare i rimborsi o trattenere le somme dovute in base al modello 730

Approfondimento su 730 integrativo

Vi segnalo anche l’articolo di approfondimento dedicato al 730 rettificativo o integrativo per quello che concerne invii successivi ai termini di scadenza per la trasmissione o quello dedicato alla presentazione della dichiarazione integrativa/correttiva entro e oltre i termini in cui sono riepilogate anche le tempistiche massime previste in relazione al fatto in cui le correzioni vi portiamo ad un maggiore credito o ad un maggior debito di imposta.

Richiesta informazioni Agenzia delle Entrate successiva all’invio

Nel caso invece in cui abbiate ricevuto la richiesta di informazioni da parte dell’agenzia delle entrate sul 730 presentato potete leggere l’articolo dedicato alla richiesta di informazioni sul 730 da Agenzia delle entrate in cui ci sono degli esempi sulle principali casistiche che vi potrebbero accadere e come fare per rimediare.

Per ogni tipologia di deduzione o detrazione fiscale troverete la relativa guida per il calcolo della detrazione e l’indicazione nella dichiarazione dei redditi modello 730 o modello unico.

Fonte: Tasse-fisco.com

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy