Condividi:
223846392 4d6665c7 6a58 47e6 989f 6263315003c3 - "Al supermercato ho visto 200 ragazzi, chiederò uno spazio per fare lezione lì"

Bari –  L’immagine di quei 200 ragazzi in età scolare incrociati prima di Natale nel centro commerciale Santa Caterina a Bari “fa troppo male”. Gerardo Marchitelli, 58 anni, preside del comprensivo Eleonora Duse di Bari – 1.600 alunni in vari plessi fra scuola dell’infanzia, primaria e medie – non si dà pace. E su Facebook scrive: “Chiederò al responsabile del centro se mi autorizza ad aprire delle classi nell’area del supermercato o negli spaziosi corridoi”.
Una provocazione.
“Apparentemente sì, ma è il grido di dolore in realtà. In Puglia fino a venerdì vale l’ordinanza regionale che dispone la didattica digitale integrata per tutti, salva diversa opzione delle famiglie. E non sappiamo poi cosa deciderà il governo. Ma il punto è che qui viviamo una tragedia”.
Ovvero?

“Sui 186 pc consegnati dalla scuola alle famiglie bisognose, 90 sono stati restituiti. Significa che altrettanti alunni sono al buio, non frequentano la scuola e non abbiamo più contatti. Sono molto arrabbiato. Per questo, come per gli operatori economici, voglio il ristoro formativo anche per i bambini che non hanno potuto usufruire di un idoneo apprendimento”.
C’è anche un problema di dispersione scolastica.
“La didattica a distanza funziona per le classi agiate. Dove non ci sono competenze digitali in casa, i piccoli della scuola primaria, quelli più svantaggiati, rimangono al buio. E il gap diventa un burrone. Poi parliamo di scuola dell’obbligo, che resta inadempiuto, se restitusci il pc e non vieni a scuola. Allora chiedo che sia la scuola, non le famiglie, a dover indicare chi può fare Dad e chi no. Altrimenti un pezzo del futuro del paese va in fumo”.
 

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy