Condividi:

annullata maxi cartella esattoriale da 13 milioni di euro 1 - Annullata maxi cartella esattoriale da 13 milioni di euro

annullata maxi cartella esattoriale da 13 milioni di euro - Annullata maxi cartella esattoriale da 13 milioni di euro

Sentenza del tribunale di Bari

La cartella, risalente al 2001, non era mai stata notificata al contribuente. Il giudice ha anche condannato l’Agenzia della riscossione al pagamento delle spese processuali

Fisco, si prepara il cantiere per una riforma

La cartella, risalente al 2001, non era mai stata notificata al contribuente. Il giudice ha anche condannato l’Agenzia della riscossione al pagamento delle spese processuali


1′ di lettura

Il Tribunale di Bari, con sentenza n.3401/2019 passata in giudicato nei giorni scorsi, ha annullato una cartella esattoriale di oltre 13 milioni di euro emessa nei confronti di un cittadino di Conversano. Il contribuente, assistito dallo Studio legale tributario Sances, è riuscito a provare nel corso del processo l’illegittimità delle pretese intimate dall’Agenzia della riscossione (ex Equitalia) poiché esse non risultavano supportate da alcuna prova. Il giudice, infatti, ha accertato come la cartella, risalente addirittura al 2001 e che riguardava presunte sanzioni irrogate dal Ministero delle Politiche Agricole, in realtà non fosse mai stata notificata al contribuente, che ne ha avuto notizia con una intimazione al pagamento soltanto nel 2015, e comunque fosse prescritta ormai da tempo.

Leggi anche

Nella sentenza si legge: «… Va osservato che, come si evince dall’atto impugnato, la pretesa impositiva sottesa all’intimazione opposta, notificata 11.07.2015, rinviene il proprio fondamento nella cartella esattoriale … asseritamente notificata il 24.10.2001. La tesi difensiva del concessionario non può essere condivisa, non essendo stato documentato alcun atto interruttivo della prescrizione. La documentazione versata in atti da Equitalia, infatti, attestante il perfezionamento di taluni procedimenti notificatori nei confronti dell’opponente, non risulta in alcun modo riconducibile alla pretesa impositiva».

Il giudice ha anche condannato il concessionario a pagare le spese legali, ammontanti a oltre 12.000 euro. (f.s.)

Fonte: Il Sole 24ore

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy