Condividi:

“Gli Stati Uniti condannano duramente il dirottamento del volo della Ryanair in Bielorussia per permettere l’arresto del giornalista Roman Protasevich”: lo afferma il presidente americano Joe Biden, che accoglie favorevolmente la richiesta Ue di sanzioni economiche mirate. “Ho chiesto al mio team di studiare opzioni adeguate per i responsabili”, ha aggiunto Biden, invocando “un’indagine internazionale sull’incidente.

“Questo oltraggioso incidente e le immagini del signor  Protasevich arrestato sono un vergognoso assalto sia al dissenso politico e sia alla libertà di stampa”, dichiara Biden, dopo il dirottamento del volo diretto in Lituania dalla Grecia per trarre in arresto il giornalista dissidente di 26 anni. “Gli Stati Uniti – dice capo della Casa Bianca – si uniscono agli altri paesi del mondo nel chiedere il suo rilascio, così come il rilascio di centinaia di prigionieri politici detenuti ingiustamente”.

E il Consiglio europeo, oltre ad aver deciso sanzioni per la Bielorussia, “condanna le attività illegali, provocatorie e di disturbo della Russia ai danni dell’Ue e dei suoi Stati membri” e  “riafferma l’unità e la solidarietà dell’Ue di fronte a tali atti, nonchè il suo sostegno ai partner orientali”. E’ quanto si legge nelle conclusioni adottate dai leader Ue riuniti a Bruxelles.

I Ventisette hanno anche ribadito la loro “solidarietà alla Repubblica Ceca” nel contesto delle tensioni con Mosca. I capi di Stato e di Governo hanno quindi ribadito l’importanza dei cinque principi guida nelle relazioni con la Russia e hanno invitato l’Alto rappresentante Ue per la politica estera, Josep Borrell, e la Commissione a presentare una relazione con le opzioni politiche sul tavolo in vista della riunione di giugno. “L’Ue continuerà il coordinamento con partner affini”, conclude il documento.

Sono terminati così i lavori della prima giornata del vertice straordinario Ue. I leader hanno adottato anche le conclusioni sulle relazione con il Regno Unito. Domani mattina il vertice discuterà di lotta alla pandemia e ai cambiamenti climatici.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy