Condividi:

borgosesia donna in shock anafilattico per puntura di calabrone ma lambulanza non ce salvata dai vigili - Borgosesia, donna in shock anafilattico per puntura di calabrone ma l'ambulanza non c'è: salvata dai vigili

Una donna rischiava la vita per shock anafilattico per la puntura di un calabrone, ma nessuna ambulanza era disponibile: così l’ospedale Santi Pietro e Paolo di Borgosesia è stato costretto a rivolgersi alla polizia locale che, a sirene accese e in tutta fretta, ha trasportato sul posto tre medici del 118. Appena in tempo per salvare la paziente. E’ accaduto a Borgosesia, nel Vercellese.

“La donna era priva di sensi – racconta il comandante dei vigili, Ruggero Barberis -. I medici l’hanno stabilizzata, dopodiché è finalmente arrivata un’ambulanza dei volontari di Grignasco, con cui la signora è stata trasportata in ospedale per le cure”.

Intanto i vigili del fuoco hanno bonificato la casa, dato che i calabroni avevano costruito un nido nel cassettone della tapparella. “Un grazie alla nostra polizia locale, che ha salvato la vita a una concittadina – commenta il sindaco Paolo Tiramani – ma sono perplesso: l’ospedale non disponeva di autoambulanze? Mi chiedo cosa non abbia funzionato al Santi Pietro e Paolo: il soccorso dev’essere una priorità, ma anche su questo fronte l’Asl, che sta dando segni di grave disorganizzazione interna, presenta pecche inaccettabili”.
 Fonte: Repubblica

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy