Condividi:

Jair Messias Bolsonaro si è preso il Covid 19. Lo ha confermato lo stesso presidente brasiliano nel corso di un incontro con i giornalisti nel Palazzo dell’Alvorada. “Sì, sono risultato positivo al test”, ha aggiunto con aria mesta e un po’ preoccupata. I risultati del tampone sono stati realizzati nell’ospedale militare di Brasilia dove il presidente era stato ricoverato dopo essersi sentito male domenica pomeriggio. Aveva febbre alta, oltre 38, e si sentiva a pezzi, con dolori alle ossa e ai muscoli. Classici sintomi del Covid 19. I suoi medici gli hanno consigliato il ricovero e la prova del tampone.

Tutti gli appuntamenti in agenda sono stati sospesi e rinviati. Altri due ministri si sono fatti il test, così come l’ambasciatore Usa in Brasile Todd Chapman. Il 4 luglio scorso, in occasione della festa dell’Indipendenza, Chapman aveva invitato Bolsonaro e altri tre ministri a una grigliata nella residenza. Una foto li aveva immortalati sereni e sorridenti, senza mascherina, che posano per l’obiettivo. Non si sa se in quella occasione il presidente abbia contratto il Covid 19. Nei giorni precedenti e in quelli successivi ha incontrato un sacco di gente. Per impegni istituzionali, di governo, amici e parenti o semplici fan. Il problema adesso è risalire indietro nel tempo, di almeno due settimane, il periodo di incubazione del virus, e contattare tutte le persone che sono state in contatto con lui.

Bolsonaro è apparso all’uscita dell’ospedale militare, le mani in tasca, la mascherina finalmente a coprirgli naso e bocca e ha confermato la notizia ai giornalisti che lo attendevano all’esterno. L’esponente della destra estrema prende già da due giorni dosi di idrossiclorochina e di azitromicina, due farmaci antivirali che l’Oms considera inefficaci contro il Covid 19; anzi, con forti controndicazioni. Ma Bolsonaro è ostinato e così come ha sempre negato la presenza del Covid 19, ha sostenuto che per affrontare la pandemia bastava prendere appunto qualche pasticca di farmaci usati di solito per la malaria. Non è bastato. Sebbene le lastre al polmone che aveva effettuato lunedì sera non hanno rilevato particolari infezioni, così come lui stesso afferma, il coronavirus lo ha contagiato e si è infilato nel suo fisico. Adesso dovrà sottoporsi a un secondo tampone di conferma. Ma l’intero Brasile è scioccato. Fonte: Repubblica

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy