Condividi:

LONDRA – Tra i tanti amici potenti di Ghislaine Maxwell, uno era sicuramente Bill Clinton. Tanto che l’ex presidente americano avrebbe preso per almeno 26 volte il “Lolita Express”, ossia il Boeing 727 privato di Jeffrey Epstein, il milionario americano pedofilo suicida in carcere la scorsa estate e compagno inseparabile della Maxwell, la britannica 58enne dei salotti buoni arrestata giovedì scorso in New Hampshire perché accusata di essere complice di Epstein e di aver procacciato diverse minorenni all’uomo, con il quale avrebbe partecipato anche agli abusi sessuali.

 
Ora il “Daily Telegraph” ha pubblicato una foto di Clinton, risalente al 2002, con Ghislaine proprio prima di imbarcarsi sul “Lolita Express” alla volta di Londra. L’amicizia tra i due non è un segreto: per anni si è speculato su una relazione sentimentale/sessuale tra Maxwell e Clinton (già scottato dal caso Lewinsky), cosa sempre smentita dall’ex presidente. Lei è stata invitata persino al riservatissimo matrimonio di Chelsea Clinton ed Epstein ha finanziato diverse campagne umanitarie dell’ex presidente americano che difatti lo ringraziò pubblicamente: “Un filantropo impegnato, con conoscenza dei mercati globali e del XXI secolo, ho sempre apprezzato la sua generosità nell’ultimo viaggio in Africa per la democratizzazione dell’area, la lotta alla povertà e all’Aids”, disse nel 2002 tramite un portavoce. 

 
L’ultimo viaggio in Africa cui faceva riferimento Clinton era un tour di sette giorni di carattere umanitario cui parteciparono l’attore americano Kevin Spacey e il comico Chris Tucker nel 2002, un progetto della fondazione Clinton co-finanziato da Epstein. Poi, tutti fecero tappa a Londra, invitati dal principe Andrea, con l’ex presidente che era stato invitato alla conferenza del Labour a Blackpool, dove era atteso come ospite d’onore. Quella sera Andrea invitò poi tutti al palazzo reale, ospiti suoi, durante il quale Ghislaine e Spacey (accusato pure lui di molestie sessuali di recente ma mai condannato) pare si sedettero per scherzo anche sulle sedie della Regina e del marito principe Filippo della Throne Room di Buckingham Palace, in una foto, ritrovata sempre dal “Telegraph” e diventata virale nelle ultime ore. “Se la ridevano”, ha detto una “fonte” al giornale, “nessuno si ricorda se Andrea fosse nella sala del trono in quel momento ma era lui che li aveva invitati”.

rep

 
A scandalo esploso, Clinton ha sempre detto di non sapere nulla degli “orrendi crimini” di Epstein, pur ammettendo di essere salito almeno quattro volte sul suo aereo: “Non lo vedevo già da un decennio e non sono mai stato nelle sue tenute di Little St James Island, New Mexico o Florida”. Un nuovo libro, “A Convenient Death: The Mysterious Demise of Jeffrey Epstein”, pubblicato in America, sostiene che il motivo principale degli incontri tra Clinton e Maxwell fosse proprio una relazione sessuale tra i due. Ma il portavoce di Clinton ha sempre smentito aggiungendo che, essendo un ex presidente, “Clinton era accompagnato dal Secret Service americano e dal suo staff in ogni tappa dei suoi viaggi”. 
 
Ma Clinton ovviamente non è il solo finito nella rete di Ghislaine, che a giorni dovrebbe apparire di fronte alla corte di New York. Molti tremano. In primis il principe Andrea, in passato grande amico di Epstein e accusato di aver violentato per tre volte l’allora 17enne Virginia Giuffré, che gli aveva fatto conoscere proprio Maxwell, in una storica foto proprio a casa di quest’ultima a Londra, scattata un anno prima del viaggio di Clinton e Spacey. Ma ce ne sono tanti altri: il presidente americano Donald Trump, la famiglia Gates, Elon Musk, l’avvocato Dershowitz, fino a Naomi Campbell. Si parla anche di video girati di nascosto da Epstein nelle sue mansioni per ricattare i suoi ospiti ma per non c’è mai stata conferma. E Ghislaine parlerà e metterà nei guai gli altri, per limare la probabile sentenza a 35 anni che incombe su di lei, o rimarrà in silenzio? Lo sapremo presto.Fonte: Repubblica

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy