Condividi:
225443129 f3121fa2 6663 4f2b b175 c2131c2271f2 - Cnn: bombardieri Usa dispiegati per la prima volta in Norvegia. "Un messaggio alla Russia"

Gli Stati Uniti stanno dispiegando per la prima volta bombardieri B-1 in Norvegia, lanciando un messaggio chiaro alla Russia: sono pronti a difendere gli alleati contro qualsiasi aggressione del Cremlino in una regione, quella artica, strategicamente importante. Lo ha riferito la Cnn, precisando che sono coinvolti quattro bombardieri e circa 200 militari trasferiti dalla Dyess Air Force in Texas alla base di Orland in Norvegia. Entro le prossime tre settimane, inizieranno le missioni nel Circolo Artico e nello spazio internazionale a Nord-Ovest della Russia.

Questo spostamento di mezzi militari, implica che gli Stati Uniti saranno in grado di reagire più rapidamente a una potenziale aggressione russa, dicono i funzionari citati dalla Cnn.

Negli ultimi mesi, il Pentagono ha utilizzato dei bombardieri simili ai B-1, i B-52, in Medio Oriente come mezzo per dimostrare la capacità degli Stati Uniti di spostare rapidamente le risorse militari in regioni potenzialmente tese. Si tratta di missioni che richiedono settimane per essere pianificate, il che significa che lo spiegamento in Norvegia è in corso di organizzazione da un po’ di tempo, spiegano gli stessi funzionari.

D’altra parte, il Dipartimento della Difesa ha accolto con profonda preoccupazione le mosse militari russe tese a bloccare il potenziale accesso all’Artico. “I recenti investimenti russi nell’Artico includono una rete di mezzi aerei offensivi e sistemi missilistici costieri”, ha avvertito Barbara Barrett, segretaria dell’Air Force durante l’amministrazione Trump.

Gli Stati Uniti valutano che la Russia consideri il mantenimento del proprio accesso all’Artico sempre più vitale, con quasi il 25% del suo prodotto interno lordo proveniente da idrocarburi a nord del Circolo Polare Artico, ha detto Barrett.

Il mese scorso, un caccia russo ha sorvolato l’USS Donald Cook, un cacciatorpediniere navale statunitense, nelle acque internazionali del Mar Nero.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy