Condividi:
170146017 d8d963b5 6884 48a6 b852 3986661cffb2 - Congo, il carabiniere provò a salvare l'ambasciatore Attanasio

ROMA – L’ambasciatore d’Italia in Congo Luca Attanasio e il carabiniere di scorta Vittorio Iacovacci sono morti nel disperato tentativo di fuggire durante la sparatoria seguita al loro rapimento. A quanto emerge dalle indagini dei carabinieri del Ros, sono stati uccisi dai colpi sparati dai sequestratori.

Mentre proseguono tra Italia e Congo le indagini sull’omicidio dell’ambasciatore e del militare, dalle testimonianze raccolte emerge che i due non sono stati uccisi da “fuoco amico”. Dal racconto di uno dei superstiti, Rocco Leone, il vicedirettore del Pam in Congo, sentito nell’ambasciata di Kinshasa grazie alla collaborazione di Onu e Farnesina, emerge che durante la sparatoria tra ranger e sequestratori, Iacovacci avrebbe tentato di fuggire proteggendo Attanasio per metterlo in salvo dai colpi, portandolo fuori dalla linea di fuoco, ma i due sarebbero stati a quel punto colpiti dal gruppo di sequestratori, di cui non è ancora chiara la natura.

Nell’ambito delle indagini sono stati sentiti anche la moglie dell’ambasciatore, e altri funzionari del Pam in Italia. Mentre proseguono le verifiche e le acquisizioni dal tablet dell’ambasciatore.

I militari dei Ros, durante la missione di cinque giorni a Kinshasa, hanno sentito Leone che viaggiava con il convoglio dell’ambasciatore Attanasio. Una testimonianza ritenuta molto preziosa, fornita nell’ambito della collaborazione di Pam e Onu con l’autorità giudiziaria italiana, che dà forza alle dichiarazioni di chi, sin da subito, ha escluso che Attanasio e Iacovacci siano stati vittime di un’esecuzione. In realtà i due sono stati colpiti mentre tentavano di scappare durante la sparatoria tra i ranger e gli assalitori.

Nel fascicolo della procura di Roma, a carico di ignoti, si indaga per attentato con finalità terroristiche e omicidio colposo. Coordinano le indagini il procuratore Michele Prestipino e i pm Sergio Colaiocco e Alberto Pioletti.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy