Condividi:

Rimane stabile la curva epidemica in Italia dopo i forti rialzi dei giorni scorsi. Oggi 379 casi, in lievissimo calo dunque rispetto ai 386 di ieri. Rimangono distribuiti su quasi tutta la Penisola i focolai e i contagi da importazione: scende la Lombardia, 77 casi contro 88, ma pesa ancora il cluster del centro di accoglienza migranti nel Trevigiano, che fa segnare al Veneto altri 117 casi. In Sicilia 16 nuovi casi, in Sardegna 10, e si tratta di giovani migranti algerini. Solo la Valle d’Aosta fa segnare oggi zero contagi. Il totale dall’inizio dell’epidemia di Covid-19 sale così a 247.537. È quanto emerge dal bollettino quotidiano del ministero della Salute.

Tutti i grafici e le mappe sull’epidemia

In aumento i decessi, dopo i 3 di ieri: oggi sono 9, di cui 4 in Lombardia, 1 in Piemonte, 1 in Veneto, 1 in Liguria, 1 in Campania, 1 in Puglia. Il totale sale a 35.141. I guariti sono 178 nelle 24 ore (ieri 765), per un totale di 199.974. Torna così a salire il numero delle persone attualmente positive: oggi sono 12.422, 192 in più di ieri. In controtendenza i ricoveri, che invece tornano a scendere: 32 in meno in regime ordinario (716 in tutto) e 6 in meno in terapia intensiva (in totale 41). Le persone in isolamento domiciliare sono 11.665. Infine, ancora in crescita il numero dei tamponi eseguiti, 68.444 contro i 61.858 di ieri.

La situazione regione per regione

Lombardia

Sono 77 i nuovi casi di positività registrati in Lombardia, di cui 25 ‘debolmente positivi’ e 24 a seguito di test sierologici. In 24 ore si segnalano poi 4 vittime ma aumentano guariti e dimessi (+97) e calano le degenze in terapia intensiva (-6). 

Sono 33 i casi segnalati in provincia di Milano, di cui 20 in città. La provincia più colpita in giornata è Bergamo con 17 positivi. Segnalati anche 7 contagi a Mantova, 6 a Brescia, 5 a Varese, 3 a Pavia, 2 tra le province di Cremona e Monza e Brianza. Un nuovo caso registrato poi a Como e Lodi, nessuno invece a Lecco e Sondrio.

Nelle scorse ore i carabinieri del Nas hanno depositato gli atti sulle ispezioni effettuate in 18 strutture sanitarie tra cui l’ospedale di Cantù e 17 Rsa della provincia di Como. La procura di Como ha aperto altrettante inchieste dopo la presentazione di 26 diverse denunce. In totale, sono state sequestrate 363 cartelle cliniche e il Nas hanno acquisito anche documentazione sulla gestione dell’emergenza.

Veneto

Sono 117 in più nelle ultime 24 ore i casi di positività registrati in Veneto, riconducibili al focolaio che si è aperto al Centro di accoglienza di Casier nel Trevigiano. Lo ha detto il governatore del Veneto Luca Zaia. “Oggi noi abbiamo 45 focolai attivi – ha spiegato Zaia – Non sono cresciuti di molto rispetto all’ultimo aggiornamento da 38. Ci sono degli incrementi di positivi, perché alcuni focolai ci danno dei contigenti dei positivi, per esempio a Jesolo, dove poi siamo ripassati con i tamponi e ci sono stati altri 4 positivi. Quindi, l’evidenza di contagiati nuovi non significa necessariamente focolai nuovi”. 

Complessivamente nella regione sono stati fatti 1.228.224 tamponi nella Regione finora e il totale dei positivi da inizio pandemia ha raggiunto quota 20.120. Le persone in isolamento sono 3.740, 136 in più rispetto a ieri. I ricoverati sono 117 (31 positivi, i restanti negativi), in terapia intensiva restano 6 persone e i morti sono cresciuti di una unità rispetto a ieri (il totale è di 2.074). I dimessi, infine, sono 6 in più. Il Veneto ha esteso tutte le misure anti-covid fino al 15 ottobre.

“Clinicamente in questo momento non siamo in emergenza – ha aggiunto Zaia – Il che non significa che abbassiamo la guardia, siamo pronti e schierati e la prossima settimana spero di portare il piano di sanità pubblica che porteremo poi al Cts”. 

Alto Adige

Altre 15 nuove infezioni da coronavirus, su 1.109 tamponi effettuati, sono state identificate nelle ultime 24 ore dall’Azienda sanitaria dell’Alto Adige. Il numero delle persone risultate positive dall’inizio dell’emergenza sanitaria sale, quindi, a 2.717. Attualmente, si trovano in quarantena obbligatoria o in isolamento domiciliare 614 persone, 55 in più rispetto ai dati forniti ieri. Nei normali reparti ospedalieri sono ricoverati 8 pazienti affetti da Covid-19, mentre due sono assistiti nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Bolzano. Si tratta di due pazienti tornati in terapia intensiva dal reparto normale a causa dell’aggravarsi delle loro condizioni. Le persone guarite sono 2.323 (5 in più rispetto ad ieri). A queste si aggiungono 875 persone che avevano un test dall’esito incerto o poco chiaro e che in seguito sono risultate per due volte negative al test.

Valle d’Aosta

Sono ancora 12 i casi positivi al coronavirus in Valle d’Aosta. E’ quanto riportato nel bollettino dell’Unità di crisi per il Covid-19. Uno è ricoverato all’ospedale Parini di Aosta mentre gli altri 11 sono in isolamento domiciliare (si tratta del focolaio scoperto in un alpeggio nel comune di Nus e di altri casi emersi tramite l’attività di screening. I contagiati in valle d’Aosta dall’inizio dell’epidemia sono 1.208. I morti sono sempre 146, 73 uomini e 73 donne (età media 83 anni). I guariti sono 1.049. In totale sono stati effettuati 21.532 tamponi.

Friuli Venezia Giulia
Le persone attualmente positive in Friuli Venezia Giulia sono 134. Due pazienti risultano in cura in terapia intensiva e 9 sono invece i ricoverati in altri reparti. Non sono stati registrati nuovi decessi (345 in totale). I nuovi contagi ammontano a 3 e sono tutti “d’importazione”. I totalmente guariti ammontano sono 2.915, i clinicamente guariti sono 12 e le persone in isolamento 111. I deceduti rimangono 196 a Trieste, 75 a Udine, 68 a Pordenone e 6 a Gorizia.

Piemonte

Sono ventuno i nuovi casi di positività registrati oggi in Piemonte. Di questi, 15 sono asintomatici. E’ quanto riporta il bollettino diffuso dalla Regione sulla base di dati comunicati dall’Unità di crisi. “I casi importati – si legge – sono 19 su 21”. Il totale delle positività dall’inizio dell’epidemia è di 31.667. Le guarigioni sono state 14. Quanto ai decessi, l’unità di crisi ne ha comunicato uno (risalente ai giorni scorsi e solo in seguito attribuito a Covid-19). Per oggi non ne sono stati segnalati. In tutto le morti sono 4.129. I ricoverati in terapia intensiva restano cinque. I tamponi diagnostici finora processati sono 499.126.

 
Toscana

In Toscana sono 10.483 i casi di positività al coronavirus, 14 in più rispetto a ieri (tutti identificati in corso di tracciamento). I nuovi casi sono lo 0,1% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,2% e raggiungono quota 8.962 (l’85,5% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 424.574, 2.937 in più rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono oggi 387, -0,5% rispetto a ieri. Oggi non si registrano nuovi decessi.  Tre dei 14 casi odierni sono da ricollegarsi al cluster evidenziatosi nella zona del Mugello. Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale – relativi all’andamento dell’epidemia in Toscana.

Marche

Nuova impennata di casi positivi nelle Marche: sono 21 quelli rilevati nelle ultime 24 ore. Quindici sono in provincia di Pesaro Urbino, di cui 5 riconducibili al focolaio di Montecopiolo, più un tampone su sintomatico, 3 tamponi per accesso a strutture o prestazioni sanitarie, un rientro dall’estero e 5 nei controlli di routine su operatori sanitari. Sei casi positivi sono in provincia di Ancona, tutti contatti stretti di caso accertato, e già in isolamento. Lo rende noto il Gores: nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 1.012 tamponi, di cui 504 nel percorso nuove diagnosi e 508 nel percorso guariti.

Abruzzo

Cinque nuovi contagi in abruzzo, che portano il totale da inizio emergenza a 3.382, Ma per il terzo giorno consecutivo nessun decesso (472 il totale delle vittime). Salgono le persone in isolamento domiciliare: sono 97, sei in più rispetto a ieri, mentre un paziente in meno si trova in ricoverato in ospedale dove il totale è di 13 pazienti. Sempre uno, invece, il paziente in terapia intensiva. Invariato anche il numero dei guariti/dimessi che restano 2.799.

Lazio

“Oggi registriamo 18 casi e zero decessi. Di questi 4 provengono da altre regioni e 5 sono casi di importazione: un caso del Bangladesh, uno da Albania, uno da Moldavia, uno da Pakistan e uno da Polonia. Sono tre i casi nelle ultime 24 ore individuati in fase di pre-ospedalizzazione. Ad oggi i casi di importazione nel Lazio provengono da ben 33 diversi Paesi. Ci aspettiamo un valore RT invariato nella valutazione settimanale”.  Lo ha detto l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

“Nel Lazio – ha spiegato ancora l’assessore – sono stati trasferiti 334 migranti dalla Sicilia senza alcun elemento di proporzionalità, 9 dei quali si sono resi irreperibili. Di questi 15 sono positivi, ad oggi ovvero il 4,5 per cento. Così il meccanismo non può funzionare”. Secondo D’Amato “si rischia di sovraccaricare il sistema sanitario, già sotto pressione da mesi”.

Il numero totale di casi esaminati nel Lazio è arrivato oggi a 8.647. Lo ha reso noto la Regione su Facebook. Il numero di deceduti fin qui è pari a 863, mentre il numero totale di guariti è di 6.839. Sono attualmente positive 945 persone, 183 sono ricoverate fuori dalla terapia intensiva e 9 in terapia intensiva. In isolamento domiciliare sono invece in 753.

“Se il Coronavirus fosse arrivato nel Lazio anni fa, quando ero appena stato eletto alla guida della Regione, con il sistema sanitario di allora, sarebbe stato un disastro, invece oggi il sistema ha retto e questa regione ha saputo far fronte alla prova forse più difficile dal dopoguerra”. Lo ha detto il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti intervenendo al giudizio di parificazione della Regione sull’esercizio finanziario 2019.

Sardegna

Sono 1.404 i casi di positività complessivamente accertati in Sardegna dall’inizio dell’emergenza. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 10 casi positivi riconducibili a migranti arrivati nell’Isola nei giorni scorsi. Resta invariato il numero delle vittime, 134 in tutto. In totale sono stati eseguiti 106.345 tamponi. I pazienti ricoverati in ospedale sono 3, nessuno in terapia intensiva, mentre 30 sono le persone in isolamento domiciliare. Il dato progressivo dei casi positivi comprende 1.234 pazienti guariti, più altri 3 guariti clinicamente. 

Campania

“Oggi siamo a 9 contagi, abbiamo una situazione che non è assolutamente drammatica ma che richiede comportamenti responsabili”. Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, nel corso della sua diretta Facebook del venerdì. “Su questi 9 contagi – ha spiegato De Luca – non abbiamo in pratica nessun nuovo contagio, forse uno. Il resto è il risultato del contact tracing, cioè il tracciamento dei contatti. Quindi a partire da chi era positivo abbiamo ricostruito la catena dei contatti e li abbiamo individuati”. 

E. sempre nella giornata di oggi, si sono registrati due decessi all’ospedale Cotugno di Napoli. Si tratta di un uomo di 85 anni, affetto da numerose patologie pregresse e di un altro uomo di 46 anni, arrivato in condizioni critiche al Pronto soccorso. Entrambi erano ricoverati in terapia sub intensiva. Ad ora, al Cotugno, ci sono sette ricoverati positivi al coronavirus: 4 in sub intensiva e 3 in reparto ordinario.

Puglia

Due nuovi casi di Covid e un decesso in Puglia, sulla base dei 1862 test per l’infezione effettuati ieri. I casi positivi sono in provincia Bari di Foggia, il decesso nella provincia di Bari. Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 240.004 test e risultate positive 4.611 persone. 3964 sono i pazienti guariti; 95 sono i casi attualmente positivi.

Basilicata

Tre positivi su 382 tamponi effettuati in Basilicata. Si tratta di cittadini stranieri in isolamento in strutture dedicate a Potenza (2) e in provincia di Matera (1). Con questo aggiornamento i residenti in Basilicata attualmente positivi restano 2 e si trovano in isolamento domiciliare. Sono ancora ricoverate nel reparto di malattie infettive dell’ospedale San Carlo di Potenza le 2 persone di nazionalità estera provenienti da Stato estero. Ai positivi vanno aggiunti nel complesso 28 persone decedute, 373 guariti, 4 persone di nazionalità estera che si trovano in isolamento domiciliare in basilicata, 31 cittadini stranieri in isolamento in strutture dedicate in basilicata, 1 cittadino lucano in isolamento in basilicata ma sottoposto a tampone in emilia romagna e lì conteggiato. Dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono stati analizzati 47.200 tamponi, di cui 46.629 risultati negativi.

Calabria

“In Calabria ad oggi sono stati effettuati 118.634 tamponi. Le persone risultate positive sono 1.266 (+4 rispetto a ieri), quelle negative sono 117.368”. Lo si legge nelábollettino della Regione, che fa registrare 97 casi attualmente attivi, 4 più di ieri.

Sicilia

I 7 migranti positivi, tenuti in isolamento in una stanza dell’hotspot di contrada Imbriacola, stanno lasciando Lampedusa (Agrigento) con un apposito volo aereo. Verranno trasferiti, secondo quanto si apprende, a Palermo. Nell’hotspot dell’isola non ci saranno così più persone positive al virus.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy