Condividi:

La Puglia segue il Veneto nella classifica delle regioni più colpite dal Coronavirus messa nero su bianco dalla fondazione Gimbe. Almeno in riferimento al numero dei casi attualmente positivi ogni 100mila registrati nella settimana che va dal 6 al 12 gennaio.

Quando, secondo i tecnici guidati da Nino Cartebellotta, in Veneto sono stati registrati 1.727 casi per 100mila residenti (dato stabile) e in Puglia 1.371 (in peggioramento rispetto alla settimana precedente). Bari appena dopo Venezia, dunque, e con una media nazionale pari a 944.

Scorrendo la tabella della fondazione segue il dato sul rapporto fra tamponi effettuati e numero cittadini positivi, che si è attestato al 32,8 per cento: un numero inferiore rispetto a quello della settimana precedente (era al 34,1 per cento). Ma resta comunque superiore alla media italiana, ferma al 29,5 per cento.

L’incremento percentuale dei casi rispetto a sette giorni prima è di otto punti e mezzo. Gli altri numeri del dossier spiegano il livello di rischio della regione rispetto ai posti letto già occupati nei suoi ospedali.

In Puglia il 41 per cento dei posti letto di ‘area medica’ è occupato da pazienti Covid, oltre la soglia di allerta del 40 e sopra la media nazionale, che è del 37 per cento. Nelle Terapie intensive il 37 per cento dei posti letto è occupato da persone positive e la soglia di allerta fissata dal governo è del 30 per cento.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy