Condividi:

Sono più di 62 milioni i casi di coronavirus registrati a livello globale e le vittime si avvicinano al milione e mezzo. Gli Usa restano il Paese più colpito con oltre 13 milioni di contagi e quasi 300mila decessi, seguono India e Brasile. In Europa è stata superata la soglia dei 400mila morti. I Paesi della zona europea più colpiti sono il Regno Unito (oltre 58mila morti), l’Italia (oltre 54mila), la Francia (52mila) e la Germania (16mila morti registrate).





Usa, il vaccino già dal 12 dicembre

Gli Stati Uniti accelerano verso la distribuzione del vaccino Pfizer-Biontech contro il Covid-19 dal prossimo 12 dicembre, dopo la riunione dei consiglieri dell’Fda (Food and Drug Administration) fissata per il 10. In base alle raccomandazioni commissione si un gruppo di esperti esterni, l’Fda deciderà se concedere l’autorizzazione d’emergenza (Eua) al vaccino e nel caso la distribuzione di milioni di dosi scatterebbe nel giro di 24 ore, come previsto dall’operazione Warp Speed lanciata da Donald Trump. Il presidente eletto Joe Biden è stato informato dagli esperti della Sanità mercoledì scorso. Funzionari dell’amministrazione coinvolti nell’operazione Warp Speed segnalano che fino a 20 milioni di persone potrebbero essere vaccinate in America entro il mese di dicembre

Fauci, “Un’esplosione di casi dopo il Ringraziamento”

“Quello che ci aspettiamo nelle due prime settimane di dicembre è un’ondata sovrapposta a quella ondata in cui siamo già”, tanto più all’indomani della festa del Ringraziamento, con milioni di americani che si sono spostati nonostante le raccomandazioni degli esperti. Lo ha detto alla Nbc Anthony Fauci, direttore dell’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive Usa, spiegando, in relazione al Natale e Capodanno in arrivo: “Dovremo prendere decisioni come nazione, stato, città e famiglia: siamo in un momento molto difficile e dovremo accettare restrizioni rispetto alle cose che vorremmo fare, in particolare in questa stagione delle vacanze”. Questo perché “siamo nel mezzo di un ripido pendio”. A livello locale, Fauci ha detto di aver avuto segnalazioni di situazioni che potrebbero richiedere nuovi mini-lockdown: “Sto parlando di stress significativi nel sistema ospedaliero e sanitario”. Una luce alla fine del tunnel, però, è rappresentata dai vaccini.. Secondo l’esperto, gli americani dovrebbero avere fiducia nella campagna vaccinale: “Il motivo per cui dovremmo sentirci più fiduciosi al riguardo è che abbiamo una lunga, lunga storia nella distribuzione dei vaccini”, ha detto, spiegando poi a Meet the Press, che, anche se questa volta si tratta di 300 milioni di dosi, “ogni anno il sistema è impostato in modo che distribuiscano 80 milioni o più vaccini”.

Gb, Johnson: “conseguenze disastrose” se non attueremo restrizioni

Ci saranno “conseguenze disastrose” per il Sistema sanitario nazionale (Nhs) britannico se non saranno introdotte nuove restrizioni a più livelli dal prossimo 3 dicembre per contrastare il Covid-19. Lo ha scritto in un articolo pubblicato sull’edizione domenicale del Daily Mail il primo ministro, Boris Johnson. “Dobbiamo lavorare correttamente. Lavoriamo insieme, e con i vari livelli, i test e i vaccini facciamo in modo che il 2021 sia l’anno in cui cacciamo via il Covid, riprendiamo il controllo delle nostre vite e rivendichiamo tutte le cose che amiamo”, ha aggiunto Johnson.

Raab: “Inghilterra rischia terza ondata”

L’Inghilterra è a rischio di una terza ondata di coronavirus nel nuovo anno se non si raggiunge il giusto equilibrio sulle restrizioni, ha avvertito Dominic Raab, mentre Downing Street affronta la ribellione rabbiosa dei parlamentari conservatori sulle ultime misure rafforzate. Il ministro degli Esteri ha inoltre rifiutato di escludere la prospettiva di un terzo blocco nazionale l’anno prossimo. I Comuni voteranno martedì sull’approvazione del sistema a tre livelli che sostituisce il lockdown. Johnson sabato ha scritto ai parlamentari Tory per scongiurare una potenziale ribellione, dicendo che i nuovi regolamenti finiranno il 3 febbraio, saranno rivisti ogni due settimane e fino ad allora continueranno solo con l’approvazione dei parlamentari. Stando alle misure proposte dal governo, circa il 99 per cento della popolazione inglese finirà sotto i due livelli più duri di misure restrittive quando terminerà il secondo blocco nazionale il prossimo 3 dicembre. Circa 32 milioni di persone – pari al 57,3 per cento dell’Inghilterra – rientreranno nel Tier 2 e 23,3 milioni di persone – il 41,5 per cento della popolazione – saranno inserite nel Tier 3.

Canti natalizi nella cappella vuota di Cambridge: prima volta in 100 anni

Quest’anno nel Regno Unito i canti natalizi del King’s College di Cambridge, un momento importantissimo del Natale per molti britannici, saranno cantati per la prima volta in una cappella vuota. Non succedeva da un secolo. “Per molti di noi, è il momento in cui inizia davvero il Natale: la voce imponente di un ragazzo solista al King’s College di Cambridge che apre la messa della vigilia di Natale con Once in Royal David’s City”, scrive Harriet Sherwood.

Come al solito, quest’anno – in modo straordinario, vista la pandemia – il Festival of Nine Lessons and Carols sarà trasmesso in diretta su Bbc Radio 4. Ma ci sarà una grande differenza: invece di centinaia di persone stipate nella cappella medievale, i suoi banchi saranno vuoti. Stephen Cherry, il decano della cappella, ha detto all’Observer:  “La congregazione normalmente si unisce a cantare a squarciagola al verso tre [di Once in Royal David’s City] – tutte quelle persone, strette, condividono questo momento magico. [Quest’anno] saranno nelle loro cucine o nelle loro auto o incartando regali. Ci auguriamo che, ovunque si trovino, le persone si uniranno ai canti natalizi”.

Francia, riaprono i negozi

In Francia, tutti i negozi hanno riaperto il sabato fino alle 21 al massimo, il coprifuoco richiede, rispettando un rigido protocollo sanitario, un sollievo per i commercianti prima di Natale. “Penso che avremo persone per vedere l’albero, le famiglie, ma non necessariamente un forte potere d’acquisto”, ha detto Manon, 29 anni, commessa alle Galeries Lafayette. Il grande magazzino parigino ha accolto i suoi primi clienti tra gli applausi di una fila di dipendenti. Il Paese ha registrato venerdì quasi mille nuovi decessi, un bilancio che però include queelli avvenuti nei giorni precedenti nelle case di riposo.

Belgio, scontri a protesta anti coprifuoco a Liegi: 17 arresti

Centinaia di persone, nonostante i divieti, hanno preso parte a LIegi a una manifestazione di protesta contro il coprifuoco notturno, imposto dalle autorità a causa della pandemia. Secondo i media locali, quattro agenti e tre manifestanti sono rimasti feriti negli scontri avvenuti quando la polizia ha cercato di disperdere l’assembramento. Diciassette persone sono state fermate. In Belgio, attualmente, sono vietati gli assembramenti di più di quattro persone.

131821933 f252977c 29d1 42a5 9cb0 65c697cfd298 - Coronavirus nel mondo, in Europa oltre 400mila morti. Usa, distribuzione del vaccino dal 12 dicembre
(ansa)

Maggioranza francesi non intende farsi vaccinare

La maggioranza dei francesi non intende farsi vaccinare contro il Covid-19, quando un vaccino sarà disponibile: lo indica un sondaggio della società Ifop per il Journal du Dimanche. Il 59% dice che non andrà sicuramente o probabilmente a farsi vaccinare, contro il 41% che si dice pronto a farlo. La stessa percentuale del 59% dice di preferire un vaccino prodotto in Francia rispetto ad uno preparato all’estero, indica il sondaggio.

Polonia, via libera ai centri commerciali

In Polonia, i centri commerciali hanno riaperto sabato. Irlandesi e belgi dovranno aspettare fino a martedì per ritrovare i loro commercianti, anche se verrà confermata la fine dell’epidemia. “Gli sforzi ei sacrifici di tutti noi hanno funzionato. Le vite sono state salvate”, ha detto il primo ministro irlandese Micheal Martin. “La situazione nel nostro Paese sta migliorando (…) ma è importante mantenere la rotta”, ha aggiunto il suo omologo belga Alexander de Croo.

San Francisco, impennata di casi. Da domani scatta il coprifuoco

Coprifuoco notturno dal prossimo lunedì a San Francisco, dopo che la città della California è passata al livello ‘violà di allerta Covid a causa di un’impennata nei contagi. Lo ha annunciato il sindaco London Breed, sottolineando che “al momento c’è una media di 118 nuovi casi al giorno, rispetto ai 73 nella prima settimana di novembre”; si tratta dell'”aumento più aggressivo cui San Francisco abbia assistito finora”. Da qui, l’adozione di una serie di misure, tra cui la chiusura di “tutte le attività commerciali non essenziali e la proibizione a membri di diversi gruppi familiari di riunirsi, all’aperto e al chiuso, tra le 10 di sera e le cinque del mattino fino al 21 dicembre”. “Non so come essere più chiara: questa è il momento più pericoloso che stiamo affrontando durante la pandemia. Non viaggiate o radunatevi con altri. Dobbiamo tutti fare la nostra parte, ora più che mai, per fermare la diffusione del Covid. Il che significa – ha sottolineato la prima cittadina – raddoppiare l’impegno, indossare mascherina, mantenere la distanza, non riunirsi e lavarsi le mani frequentemente”.

Messico, oltre 105mila morti da inizio pandemia

Il Messico ha riportato 10.008 nuove infezioni confermate da coronavirus e 586 decessi aggiuntivi sabato, hanno mostrato i dati del ministero della salute, portando il numero ufficiale di casi a 1.100.683 con un bilancio totale delle vittime di 105.459. Funzionari sanitari hanno affermato che il numero reale di entrambi potrebbe essere significativamente più alto a causa di pochi test.

Singapore, nato bambino con anticorpi coronavirus

Una donna di Singapore, che è stata infettata dal Covid-19 a marzo durante la gravidanza, ha dato alla luce un bambino con anticorpi contro il virus, è un nuovo indizio sul fatto che l’infezione possa essere trasferita da madre a figlio. Il bambino è nato questo mese senza Covid-19 ma con gli anticorpi del virus, ha riferito Reuters, citando una notizia sul quotidiano Straits Times. “Il mio medico sospetta che gli abbia trasferito i miei anticorpi durante la gravidanza”, ha detto al giornale Celine Ng-Chan. L’Organizzazione mondiale della sanità afferma che non è ancora noto se una donna incinta con Covid-19 possa trasmettere il virus al feto o al bambino durante la gravidanza o il parto. Ad oggi, il virus attivo non è stato trovato in campioni di liquido intorno al bambino nell’utero o nel latte materno.

Nuovo picco casi in Giappone: quasi 2.700 in 24 ore

Nuovo picco di casi giornalieri di coronavirus in Giappone. Secondo i dati diffusi dalle autorità sanitarie e riportati da Nhk, sono stati 2.684 i nuovi contagi nelle ultime 24 ore e 14 i morti. Il totale dei positivi confermati è di 146.214 dall’inizio della pandemia e i decessi sono stati 2.123.

Record casi in Indonesia

L’Indonesia ha riportato un aumento record delle iniezioni di coronavirus, dopo 6.267 nuovi casi e 169 morti, secondo la sua task force Covid-19.

 

Fonte: Repubblica

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy