Condividi:

coronavirus nel mondo in usa quasi 1 600 morti in un giorno non accadeva da meta maggio trump ho preso lidrossiclorochina e sono ancora qua - Coronavirus nel mondo, in Usa quasi 1.600 morti in un giorno: non accadeva da metà maggio. Trump: "Ho preso l'idrossiclorochina e sono ancora qua"

Stati Uniti e Brasile si confermano i luoghi più colpiti dalla pandemia di coronavirus. Gli Usa hanno ormai superato i 148 mila decessi, a causa di una brusca impennata nelle ultime 24 ore, in cui i decessi conteggiati sono stati 1.592. Si tratta del dato più elevato degli ultimi due mesi e messo. La Johns Hopkins University segnala almeno 4,3 milioni di casi, in aumento di circa 60 mila unità nell’ultima giornata. Anche in Brasile l’epidemia non dà segni di rallentamento, con altri 40 mila nuovi contagi. Qui le autorità sanitarie segnalano che il totale delle infezioni sfiora i 2,5 milioni. Il ministero della Sanità di Brasilia ha inoltre comunicato altri 921 decessi che portano il bilancio a 88.539.

Trump ottimista: “Presto avremo il vaccino, batteremo il virus”

 “Batteremo il virus”, “presto avremo il vaccino” e gli Usa sono pronti a produrre “500 milioni di dosi”. Lo ha detto il presidente Donald Trump durante il briefing alla Casa Bianca sul Covid-19. Il tycoon ha dunque segnalato trend in discesa dei contagi “in molte zone degli Usa” come California, Arizona e Texas. Ha anche raccontato che grazie al Defence Production Act la Kodak si trasformerà in una casa farmaceutica e, grazie a un prestito governativo da 765 milioni, inizierà a produrre forniture mediche impiegato 360 persone a Rochester, nello stato di New York. Il presidente degli Stati Uniti si è anche detto soddisfatto della popolarità acquisita dall’immunologo Anthony Fauci: “Lavora per la mia amministrazione, non capisco perchè io non sia altrettanto popolare” sul cronavirus, “sarà la mia personalità”. Trump ha poi ribadito di considerare efficace l’Idrossiclorochina, farmaco che alcuni esperti considerano invece tossico: “Molti ritengono che sia di successo, altri no. Penso che sia una questione politica. Io l’ho preso per 14 giorni e sono qua”.

In Colombia la quarantena estesa fino al 30 agosto

Il lockdown varato in Colombia per frenare l’avanzata della pandemia di Covid-19 sarà esteso per un altro mese e durerà fino al 30 agosto. Lo ha annunciato il presidente Ivan Duque. Il Paese andino ha registrato più di 267 mila casi e oltre 9 mila morti. Si tratta dell’ottava volta che la quarantena viene prolungata. I piccoli paesini che non hanno numeri significativi continueranno comunque a riaprire, mentre misure più drastiche saranno adottate nelle aree con un numero di casi più elevato. “Dobbiamo tutti capire che durante queste quattro settimane dobbiamo continuare a fare il massimo sforzo per proteggerti”, ha detto Duque.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy