Condividi:
061858580 e1ee98d4 a1d3 497a 8bde 2f6aa9c92995 - Coronavirus nel mondo, l' Australia non ferma la campagna di vaccinazioni e chiede un milione di dosi per la Papua Nuova Guinea

La campagna di vaccinazione AstraZeneca contro il Covid-19 continuerà in Australia nonostante molte nazioni europee l’abbiano sospesa per indagare sui gravi effetti collaterali riportati in alcuni pazienti. Lo ha affermato John Skerritt, il capo della Therapeutic Goods Administration australiana (il regolatore farmaceutico), riferendo di aver avuto colloqui con più di una dozzina di paesi europei durante la notte e che le prove attuali suggeriscono che non ci sono ragioni per fermare la campagna di immunizzazione. “Di certo ci stiamo lavorando, ma non abbiamo alcun segnale che la campagna di vaccinazione si fermerà  in Australia”, ha detto Skerritt alla televisione Australian Broadcasting Corp. L’Australia ha iniziato a inoculare le persone con il vaccino AstraZeneca il 7 marzo e si è  assicurata quasi 54 milioni di dosi per la sua popolazione di 25 milioni. Lo stato piu’ popoloso del paese, il New South Wales, ha riportato un nuovo caso di Covid-19 acquisito localmente in un viaggiatore d’oltremare tornato in quarantena in un hotel. Una guardia di sicurezza dello stesso hotel ha contratto il virus all’inizio di questa settimana, ponendo fine alla serie di casi zero dello stato per quasi due mesi. L’Australia ha riportato zero o bassi casi giornalieri a una cifra per diverse settimane: dall’inizio della pandemia, ha registrato poco piu’ di 29.100 casi e 909 morti. Anzi l’ Australia ha chiesto ad AstraZeneca e all’Unione Europea l’accesso d’emergenza a un milione di dosi del vaccino che ha acquistato per consegnarle nella vicina Papua Nuova Guinea, percorsa da un’ondata di contagi da Covid -19. Il primo ministro Scott Morrison ha detto di voler utilizzare queste dosi, che l’Australia ha ordinato e pagato per sé, per aiutare la Papua Nuova Guinea, situata a nord dell’Australia. “Stiamo facendo una richiesta formale ad AstraZeneca e alle autorità europee per l’accesso a un milione di dosi del nostro ordine da AstraZeneca, non per l’Australia ma per la Papua Nuova Guinea, un Paese in via di sviluppo che ha un disperato bisogno di questi vaccini”, ha detto Morrison ai giornalisti a Canberra . “Abbiamo firmato un contratto per queste dosi, le abbiamo pagate. E vogliamo che questi vaccini arrivino qui in modo da poter sostenere il nostro vicino”. La mossa australiana giunge dopo che l’Italia ha bloccato all’inizio di marzo la consegna di vaccini AstraZeneca prodotti sul suolo europeo e destinati all’Australia, data “la persistente carenza di vaccini e ritardi nella fornitura da AstraZeneca” all’UE e all’ Italia. Bruxelles non si è opposta al blocco deciso dall’Italia e ha detto che altri Paesi dell’UE potrebbero fare lo stesso.

Il principe Carlo contro i no-vax

Il principe Carlo critica i no-vax per il coronavirus. In un articolo il Future Healthcare Journal L’erede al trono – contagiato dal Covid in forma lieve  – ha chiesto un approccio integrato all’assistenza sanitaria. Il  principe Carlo e la consorte Camilla,  hanno ricevuto la prima dose alcune settimane dopo la regina Elisabetta e il principe Filippo.

Usa: 54.873 nuovi casi Covid-19 e 1.242 decessi in 24 ore

Ad oggi sono 29.545.555 i casi di Covid 19 negli Stati Uniti e 536.826 i morti. Sono gli ultimi dati della Johns Hopkins University. Nelle ultime 24 ore, sono stati 1.242 i decessi e 54.873 nuovi casi. La California è  ora lo stato piu’ colpito dalla pandemia con 56.727 morti, seguita da New York (49.110), Texas (46.651), Florida (32.449), Pennsylvania (24.660), New Jersey (23.966) e Illinois (23.236). Altri stati con un gran numero di decessi sono Georgia (18.287), Ohio (17.991), Michigan (16.805), Massachusetts (16.688) o Arizona (16.574). In termini di casi, la California ne conta 3.626.635; segue il Texascon 2.737.571; la terza e’ la Florida con 1.984.425; New York è quarta con 1.755.193 e l’Illinois è quinto con 1.212.014. Per quanto riguarda i vaccini, circa 72,1 milioni di persone (21,7% della popolazione) hanno ricevuto almeno una dose, di cui 39 milioni (11,8%) sono gia’ stati completamente immunizzati.

Trump, vaccino funziona e lo raccomanderei, ma c’è liberta

“E’ un grande vaccino, un vaccino che funziona”. Lo afferma Donald Trump in un’intervista a Fox. A chi gli chiedeva se raccomanderebbe il vaccino anti-Covid l’ex presidente risponde: “Lo raccomanderei a molte persone che non vogliono farlo e molte di questi hanno votato per me. Ma c’è libertà e dobbiamo rispettarla”. Sul vaccino c’è molto scetticismo da parte dei repubblicani e da più parti, anche dalla Casa Bianca, è arrivato nei giorni scorsi l’invito a Trump rivolgersi ai suoi sostenitori e spronarli a vaccinarsi.

Argentina: 8.235 nuovi casi di Covid, 202 morti in 24 ore

Si contano 8.235 nuovi casi di coronavirus in Argentina, che porta cosi’ il totale complessivo a 2.210.121 contagi. Il numero dei morti e’ salito a 54.036, dopo che 202 decessi sono stati confermati nelle ultime 24 ore. Secondo il rapporto quotidiano rilasciato dal Ministero della Salute argentino, 1.998.594 pazienti sono gia’ stati dimessi, mentre 3.469 persone con una diagnosi confermata di covid-19 rimangono in unita’ di terapia intensiva. Il tasso di occupazione dei letti di terapia intensiva per tutti i tipi di patologie e’ del 54,6% a livello nazionale, ma sale al 59,4% se si considera solo Buenos Aires e la sua periferia. Finora, 8,08 milioni di test sono stati effettuati in Argentina, di cui 49.875 ieri. L’Argentina, con una popolazione di circa 45 milioni, ha iniziato la sua campagna di vaccinazione contro il covid-19 a fine dicembre e ha gia’ ricevuto 4.050.540 dosi di vaccino contro il covid-19. Secondo i dati ufficiali, 2.619.159 dosi sono state somministrate.

Cina: calano i contagi, 4 nuovi casi di Covid-19

La Commissione Nazionale della Salute ha annunciato il rilevamento di 4 nuove infezioni di Covid-19 in Cina, tutte diagnosticate in viaggiatori provenienti dall’estero. Questi casi sono stati rilevati nell’area metropolitana di Shanghai e nelle province di Sichuan e Fujian. Cosi’, la Cina continua la sua tendenza al ribasso in termini di nuovi contagi: il paese asiatico ha rilevato 13 casi lunedì, 5 domenica e 10 sabato. Inoltre, le autorità sanitarie hanno anche riferito il rilevamento di 15 nuove infezioni asintomatiche (tutte dall’estero), anche se Pechino non li include come casi confermati a meno che non mostrino sintomi. Il numero totale di tali infezioni sotto osservazione è di 270, tutte “importate”.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy