Condividi:

La pandemia di coronavirus ha provocato 2.630.768 morti nel mondo. Gli Stati Uniti sono il Paese con il maggior numero di decessi (532.384), seguono il Brasile (275.105), il Messico (193.142), l’India (158.306) e il Regno Unito (125.168).

 

Usa, respinta ogni richiesta dagli altri Paesi per i vaccini

Gli Stati Uniti hanno finora respinto tutte le richieste di altri paesi sulla condivisione di vaccini. Lo afferma la portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki, sottolineando che gli Stati Uniti non hanno fornito dosi a nessuno. Gli Stati Uniti hanno ricevuto “richieste da altri paesi nel mondo” per i vaccini e “non ne hanno onorata nessuna”, spiega Psaki, precisando che la priorità è vaccinare gli americani.

Covid: in Francia 25.229 casi, superati 4 milioni contagi

In Francia nelle ultime 24 ore sono stati registrati 25.229 nuovi casi di coronavirus, portando il bilancio complessivo a superare la soglia dei 4 milioni di contagi dall’inizio dell’epidemia. Il numero dei pazienti in terapia intensiva è aumentato di 41 unità a 4.033, superando i 4 mila posti letto occupati dal fine novembre.

Brasile, oltre 2.200 decessi per terzo giorno consecutivo. Arrivano altri vaccini

Il Brasile ha registrato per il terzo giorno consecutivo oltre 2.200 morti per Covid-19 in 24 ore. I nuovi contagi sono 85.633, il secondo numero più alto dal record di 87.840 nuovi casi registrato lo scorso 7 gennaio. Il nuovo bilancio, pari a 2.216 vittime a fronte delle 2.233 di giovedì e alle 2.286 di mercoledì, porta il totale dei decessi a 275.105 dall’inizio della pandemia, il secondo numero più elevato dopo gli Stati Uniti. Si tratta del 10,3% dei morti legati al nuovo coronavirus registrati nel mondo, a fronte di una popolazione pari al 3% di quella mondiale. Il numero dei brasiliani contagiati, 11 milioni e 363.380, è invece pari al 9,5% dei casi segnalati in tutto il mondo. Il Brasile, intanto, ha autorizzato la somministrazione del vaccino contro il coronavirus prodotto da AstraZeneca e ha annunciato l’acquisto di 10 milioni di dosi del siero Sputnik V prodotto in Russia. L’Anvisa, l’agenzia del farmaco brasiliana, ha ammesso che il vaccino di AstraZeneca può causare effetti collaterali come cefalea e diarrea ma ha concluso che “i benefici superano i rischi”.

made with flourish - Coronavirus nel mondo: la Francia supera i 4 milioni di casi. Usa, respinta ogni richiesta dagli altri Paesi per i vaccini

 

Canada: chiuso stabilimento Amazon per Covid, 5000 in quarantena 

Le autorità canadesi hanno ordinato la chiusura di una struttura di Amazon e ai suoi 5.000 dipendenti di auto isolarsi per Covid. Funzionari della Sanità pubblica hanno spiegato che i lavoratori della struttura di Brampton appartenente al colosso tecnologico a nord di Toronto sono stati obbligati ad “auto-isolarsi per due settimane a partire dal 13 marzo”. La misura si è resa necessaria perchè “nelle ultime settimane, il tasso di infezione da Covid-19 in tutta la regione è diminuito, mentre quello all’interno della struttura è aumentato in modo significativo”. Gli unici lavoratori esentati dal provvedimento sono quelli che erano risultati positivi negli ultimi 90 giorni e che avevano terminato il periodo di quarantena. La “difficile decisione” di chiudere l’enorme magazzino, ha detto l’ufficiale medico della salute Lawrence Loh, si è resa “necessaria per fermare una ulteriore diffusione sia nella struttura che nella nostra comunità”. Un portavoce dell’autorità regionale per la salute pubblica ha detto che più di 600 lavoratori del magazzino sono risultati positivi al Covid-19 dall’inizio della pandemia, compresi circa 240 nelle ultime settimane.

Cina: sette nuovi casi di Covid “importati”, 255 in totale

Le autorità sanitarie cinesi hanno annunciato sette nuove infezioni del coronavirus SARS-CoV-2 nel Paese. Si tratta di casi tutti diagnosticati in viaggiatori provenienti da Guangzhou (3), Shanghai (2), Tianjin (1) e Hunan (1). I dati ufficiali della Cina non rilevano una singola infezione locale dal 15 febbraio. Inoltre, le autorità sanitarie hanno segnalato 17 nuove infezioni asintomatiche (tutte dall’estero), anche se Pechino non li include come casi confermati a meno che non mostrino sintomi. Il numero totale di tali infezioni sotto osservazione è di 255, tutte “importate”.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy