Condividi:
coronavirus nel mondo rallenta laumento dei casi negli stati uniti - Coronavirus nel mondo: rallenta l'aumento dei casi negli Stati Uniti

L’America Latina e la zona dei Caraibi sono ormai l’area del mondo con il maggior numero di persone colpite dal coronavirus. Qui infatti si conta il 26,83% dei casi in tutto il mondo, con 4.327.160 di malati totali rispetto ai 4.308.495 di Stati Uniti e Canada. Gli Usa continuano a essere il singolo Paese con il maggior numero di infezioni e decessi, con oltre 4,2 milioni di casi e circa 146 mila morti, anche se nelle ultime 24 ore è stato registrato un lieve calo dei nuovi casi (55 mila contro gli oltre 60 mila dei giorni precedenti).  Il secono Paese più colpito al mondo è il Brasile con 2,4 milioni di casi e quasi 87.000 morti.

Usa, rallenta l’aumento di nuovi contagi da Covid-19: 55 mila nelle ultime 24 ore

 Rallenta l’aumento dei casi di coronavirus negli Stati Uniti: sono stati 55.187 i nuovi contagi nelle ultime 24 ore, rispetto agli oltre 60.000 degli ultimi giorni. I decessi sono stati 518. E’ quanto emerge dai dati della Johns Hopkins University, che parla di 4,2 milioni di casi totali negli Usa e 146.909 decessi.

Trump rinuncia al primo lancio nello Yankee Stadium: “Sono concentrato sul virus”

Il presidente degli Stati Uniti non farà il primo lancio durante la prima partita della Major League di baseball, in programma a Ferragosto nello Yankee Stadium di New York.  “Sono fortemente concentrato” sul coronavirus, i vaccini e l’economia, ha scritto in un tweet Donald Trump, garantendo che ci riproverà più avanti nel corso della stagione. La mossa fa parte della nuova strategia del leader Usa, che dopo mesi ha deciso di mostrare agli americani che sta prendendo molto seriamente l’epidemia di Covid-19. Tra le incognite di quella partita, in realtà, ci sarebbe anche la possibile protesta dei giocatori, che potrebbero inginocchiarsi durante l’inno rilanciando le proteste legate a “Black lives matter”.

Messico, altri 5.480 casi di coronavirus in un solo giorno

Il ministero della Sanità messicana ha contato 5.480 nuovi casi di coronavirus nel Paese e 306 morti riconducibili al Covid-19. Una nuova spinta verso l’alto ai numeri complessivi, che lievitano a 390.516 casi e 43.680 persone decedute.

Il Venezuela prolunga la quarantena a Caracas e in altre sei regioni

Il presidente del Venezuela Nicolas Maduro ha prolungato le restrizioni serve a Caracas e in altri sei Stati venezuelani per frenare l’avanzata del coronavirus. La capitale e le aree di Miranda, Vargas, Zulia, Tachira, Bolivar e Sucre entrano in “quarantena totale a causa della crescita del numero di casi”, ha spiegato il leader in televisione. Il Venezuela conta 30 milioni di abitanti e finora ha registrato 15.463 contagi e 142 decessi, stando alle cifre ufficiali. Maduro non ha specificato fino a quando dureranno le restrizioni.

Corea del sud, 25 nuovi casi: 16 provengono dall’estero

Sono 25 i nuovi casi di coronavirus registrati in Corea del Sud. Il totale sale dunque a 14.175, con 299 decessi. Tra i nuovi malati ce ne sono 16 che provengono dall’estero. Nei giorni scorsi il Paese aveva registrato dozzine di casi tra i membri di una nave mercantile con bandiera russa nel porto di Busan e centinaia di lavoratori sudcoreani in arrivo via aria dall’Iraq.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy