Condividi:

coronavirus ricoverata ayshwarya rai la regina di bollywood - Coronavirus: ricoverata Ayshwarya Rai, la regina di Bollywood

MUMBAI – La star di Bollywood ed ex Miss Mondo Aishwarya Rai Bachchan è stata portata in un ospedale di Mumbai insieme a sua figlia di otto anni. Una settimana fa hanno saputo di essere positive al coronavirus. Suo marito, l’attore Abhishek Bachchan, e il suocero superstar, Amitabh Bachchan, sono già nello stesso ospedale con Covid 19. Sono le personalità più celebri ad essere state contagiate in India. Il Paese ora ha registrato più di un milione casi nella pandemia.

“In tempi felici, in periodi di malattia, i nostri fan ci hanno dato amore senza sosta”, ha scritto su Twitter venerdì.

Rai ha rivelato domenica di essere stata contagiata  insieme alla fialia. Erano state in quarantena a casa, ma il quotidiano Times of India ha scritto che ieri sono state trasferite all’ospedale di Nanavati dopo aver lamentato “mancanza di respiro”. “Stanno bene”, ha detto una fonte dell’ospedale all’agenzia di stampa India Press Trust. Amitabh Bachchan, 77 anni, e suo figlio Abhishek, 44 anni, sono nel reparto di isolamento dello stesso ospedale. Quando sono entrati i loro sintomi sono stati descritti come “lievi”

Aishwarya Bachchan è diventata Miss Mondo nel 1994 e da allora è diventata uno dei volti più famosi di Bollywood. È stata regolarmente sul tappeto rosso al festival del cinema di Cannes, e nel 2007 ha sposato Abhishek Bachchan. L’anziano Bachchan, idolatrato in India e affettuosamente noto come “Big B”, ha una carriera di oltre quattro decenni nell’industria cinematografica. È stato votato “attore del millennio” in un sondaggio online della Bbc nel 1999 ed è diventato il primo attore indiano a ottenere un sosia al museo delle cere di Madame Tussauds a Londra.

Le autorità cittadine hanno dichiarato che la capitale finanziaria e cinematografica dell’India ha registrato quasi 100 mila casi, con oltre 1.200 nuovi pazienti segnalati ogni giorno. Più di 5.582 persone in città sono morte. A livello nazionale, il Paese di 1,3 miliardi di persone ha riportato 26 mila morti.Fonte: Repubblica

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy