Condividi:

ROMA – “Il 2018 è stato uno degli anni peggiori della mia carriera. Dopo il mio successo a Monaco, ero in cima al mondo. E all’improvviso, più nulla. È stata la mia ultima vittoria. E anche il mio ultimo podio. Ricordo che dopo Città del Messico non volevo andare alla gara successiva. Ovviamente in fondo sapevo che ci sarei andato, ma dà un’idea di quello che stavo passando in quel momento”. Daniel Ricciardo, intervistato da L’Equipe, ha raccontato di aver passato un momento molto buio nella sua carriera, avvenuto precisamente poco meno di tre anni fa, nell’autunno del 2018 ma più in generale durante tutto quel mondiale di Formula 1, in cui chiuse al sesto posto in classifica piloti con due vittorie.

140713936 46cd1ae8 b4ed 4727 89d6 f98d3017689f - F1, Ricciardo: "Nel 2018 non volevo più correre"

Sugli anni in Red Bull

Molto più belli, invece, i ricordi legati al 2014, anno del suo esordio in Red Bull: “Il 2014 è stato un grande anno, ha davvero avviato la mia carriera – ha detto parlando della sua prima stagione con la scuderia di Milton Keynes – . Mi ha permesso di entrare a far parte del club dei vincitori di un Gran Premio e mi ha fatto guadagnare il rispetto dei migliori. Era stato davvero gratificante mostrare al mondo quanto valevo”. 

Fonte: Corrieredellosport.it

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy