Condividi:
121523709 cc065ce2 bd1a 4d64 a08f 7e4e640f4880 - Green Pass, farmacie vandalizzate in Francia. Proteste anche in Germania

BERLINO. Proteste, manifestazioni e violenze stanno accogliendo in Europa l’introduzione di misure sanitarie rigide. Mentre in Germania la polizia si ritrova sotto inchiesta per la “mano forte” utilizzata contro i “Querdenker”, i “Pensatori laterali” che contestano il vaccino, in Francia si diffondono episodi di violenza legati all’introduzione del Passaporto vaccinale.

Nel mirino dei contestatori francesi ci sono soprattutto le farmacie, che partecipano all’organizzazione del Green Pass: parecchie sono state vandalizzate, a Fort-de-France, nella Martinica, una farmacia è stata incendiata assieme a un centro vaccinazioni. L’Ordine dei farmacisti e i sindacati hanno condannato “con la massima fermezza“ le violenze, ma per il momento la tensione resta alta. Al Memorial di Caen, museo sulla liberazione dell’Europa dal nazismo, i contestatori hanno insultato i dipendenti che chiedevano il Green Pass ai visitatori, chiamandoli “collaborazionisti”, un’offesa particolarmente sanguinosa visto il tema del museo.

Le manifestazioni, sempre nutrite, hanno coinvolto tutte le maggiori città francesi. Solo a Parigi, i No-Vax si sono raccolti in quattro diversi cortei. Uno era guidato da Florian Philippot, ex numero 2 del Front National. Gli slogan gridati e scritti sui cartelli erano particolarmente decisi: “Terrore sanitario”, “Non mi sottometterò mai”, “Meglio morire libero che vivere rinchiuso” e via su questo tenore.

In Germania invece la manifestazione berlinese dei Querdenker è finita con un intervento della polizia, che persino l’Onu ha ritenuto troppo energico. Il relatore speciale per i diritti umani Nils Melzer ha chiesto una spiegazione al governo federale, citando materiali video diffusi su internet da cui emergono “prove abbastanza forti di violazione dei diritti umani”. Melzer, che in passato ha messo sotto accusa la violenza della polizia a Hong Kong o in Bielorussia, si riferisce fra l’altro a un video in cui un agente afferra una donna per il collo e la butta a terra. “Avrebbe potuto morire”, dice Melzer. Altri video mostrano un uomo picchiato a sangue nonostante fosse ammanettato a terra.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy