Condividi:
cane sovrappeso - Hai un cane in sovrappeso? Ecco come intervenire

L’autunno è arrivato e si sta portando dietro un robusto aumento di appetito da parte del nostro cane. Nessun problema, è assolutamente fisiologico, perché l’animale si prepara così alle temperature più basse. Tuttavia,  nei mesi che vanno da qui all’inverno occorre prestare particolare attenzione alla sua alimentazione e attività fisica.

In questo articolo

Passeggiate quotidiane da una a tre ore

«È statisticamente provato che in questo periodo il grande rischio sia rappresentato dal sovrappeso», mette in guardia Valerio Ciarrocchi, nutrizionista e riabilitatore vet per Ultima. «In linea generale è consigliabile un leggero aumento dell’apporto calorico del cibo. Che, però, va associato a una costante attività fisica, da una a tre ore al giorno».

Cibo a base di vitello o suino

«L’organismo del cane ha bisogno di maggiore energia metabolica per termoregolarsi con l’ambiente esterno, perciò è preferibile optare per proteine grasse come vitello e suino. Unitamente a un apporto adeguato di vitamine e sali minerali».

Umido o croccantini?

La scelta tra cibo secco e umido sta al proprietario. «Ma, una volta che il pet avrà assaggiato il più succulento umido, difficilmente tornerà sul secco. Da evitare, invece, il mix tra umido e crocchette, magari allo scopo d’insaporire queste ultime. Perché il rischio è quello di dare al cane un surplus calorico quotidiano che si tramuterà in peso in eccesso». In questo articolo trovi gli alimenti che non puoi assolutamente dare al tuo cane.

Cane in sovrappeso: cibo ipocalorico

Fondamentale è osservare lo stile di vita del nostro amico. «Con la brutta stagione», spiega Ciarrocchi, «il cane, spesso adeguandosi al comportamento del proprietario, diventa più sedentario. Se sta a cuccia tutto il giorno, sarà, quindi, meglio che consumi alimenti da mantenimento semplice e non energetici. Così come, qualora il nostra cane sia già in sovrappeso, la pappa dovrà sempre avere un basso contenuto calorico».

Quante pappe al giorno?

Oltre allo stile di vita, anche età, taglia e sesso determineranno quante volte dovrà mangiare durante la giornata. «Per un cucciolo, la cui capacità digestiva è molto minore rispetto a un adulto, sono consigliabili tre o quattro pasti al giorno fino al primo anno di età (14 mesi per le grandi e medie taglie, 12 mesi per le piccole). Uguale porzionamento andrà adottato anche per il cane anziano, che ha un rallentamento dal punto di vista metabolico e, perciò, meno motilità intestinale (intestino pigro). Tra gli adulti, per un pet di piccola taglia (fino a 20 chili) sono adeguate due razioni quotidiane. Per la taglia medio-grande, invece, salgono a tre o addirittura quattro per questioni di digeribilità».

Leggi anche…

Fonte : Ok Salute

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy