Condividi:

il padre di mia figlia e il principe alberto di monaco donna brasiliana chiede il riconoscimento della paternita in tribunale - "Il padre di mia figlia è il principe Alberto di Monaco". Donna brasiliana chiede il riconoscimento della paternità in tribunale

Una ragazzina di 15 anni che chiede alla mamma: “Chi è mio padre?”. E la rivelazione: “Il principe Alberto Di Monaco”.
Comincia così la nuova saga dei presunti figli illegittimi di famiglie reali. Questa volta a scriverla è una donna brasiliana che vive nelle Marche e che si è affidata ad un legale per avviare il riconoscimento di paternità della figlia che – a suo dire – sarebbe del principe di Monaco. concepita durante un viaggio in Europa.

I dettagli della presunta relazione tra la brasiliana ( che all’epoca dei fatti sarebbe stata appena maggiorenne) e Alberto Di Monaco sono ricostruiti nella memoria presentata davanti al tribunale di Milano dall’avvocato Erich Grimaldi. “Dopo averlo conosciuto in un noto locale in Brasile, la donna avrebbe accompagnato Alberto di Monaco in un viaggio di piacere in giro per l’Europa”, sostiene il legale. La ragazza, rimasta incinta, avrebbe subito informato il principe che, dopo aver ricevuto una foto della bambina, avrebbe troncato ogni contatto.

Prima di ricorrere al tribunale, la donna – tramite il legale – avrebbe tentato di contattare la famiglia reale ma senza fortuna. Da qui la decisione di chiedere il formale riconoscimento della paternità che passerà da un test del Dna. Fonte: Repubblica

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy