Condividi:

NANTES – È stato fermato un uomo del Ruanda a Nantes dopo l’incendio che ieri ha danneggiato il cuore della Cathédrale Saint-Pierre-et-Saint-Paul. Le ragioni del suo arresto sono attualmente sconosciute. Tuttavia, secondo Rtl, si tratta di un rifugiato ruandese che lavora per la diocesi, che ha espresso così la sua rabbia per il visto scaduto. 

Secondo le informazioni dell’accusa, l’uomo è stato preso in custodia a causa di incoerenze scoperte nel suo alibi. Il sospettato era responsabile della chiusura della cattedrale il giorno prima dell’incendio. Gli investigatori quindi desiderano ascoltarlo.

“In questa fase, si tratta di verifiche”, ha assicurato il pubblico ministero di Nantes, Pierre Sennès. “Dobbiamo rimanere cauti, si tratta di una procedura normale”, ha sottolineato il magistrato.

Alla domanda sui primi elementi dell’indagine, il pubblico ministero ha confermato l’arrivo sabato pomeriggio di esperti sugli incendi della polizia scientifica e tecnica.

La situazione era apparsa poco chiara già poco dopo l’intervento dei vigili del fuoco della Loira Atlantica. All’interno avevano rilevato tre focolai diversi. Le fiamme divampate sono riuscite a distruggere il grande organo centrale della cattedrale gotica.

Il direttore del servizio dipartimentale antincendio e di salvataggi

Laurent Ferlay, aveva dichiarato che la causa poteva essere dolosa e che le autorità stavano seguendo una pista criminale. La sindaca di Nantes Johanna Rolland aveva poi confermato l’apertura di un’inchiesta.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy