Condividi:

insultati e picchiati per un bacio - Insultati e picchiati per un bacio

Insultati e aggrediti per essersi scambiati un bacio in pubblico. Vittime del branco giovedì pomeriggio alla stazione di Vernazza, alle Cinque Terre (La Spezia) una coppia omosessuale di Bologna. I due trentenni erano in attesa del treno quando sono finiti nel mirino di un gruppo di ragazzi mentre si stavano scambiando qualche bacio.

Il branco ha iniziato a insultarli pesantemente fino a quando uno di loro si è avvicinato e ha sferrato un pugno in volto a uno dei bolognesi, per fortuna senza gravi conseguenze. Il gruppo è poi fuggito salendo sul treno delle 16.16 per La Spezia, tenuto fermo in stazione per oltre mezz’ora dalle forze dell’ordine nel tentativo di individuarli. La ricerca si è estesa poi alla città dove sono state visionate le immagini delle telecamere della stazione per arrivare ai responsabili dell’aggressione omofoba.

Un atto condannato dall’amministrazione comunale di Vernazza: “L’amministrazione di Vernazza, che in più occasioni, ha voluto lanciare segnali a favore dell’inclusività e della difesa dei diritti fondamentali della persona, esprime piena solidarietà ai ragazzi vittime dell’aggressione verificatasi ieri. In accordo con Amnesty International, che, solo pochi giorni fa, si era espressa su un deplorevole fatto simile, condanna ogni atto di violenza contro la libertà e la dignità di un essere umano. Ogni persona dovrebbe essere e sentirsi libera di affermare la propria identità e a questo devono contribuire tanto le autorità quanto la società civile”.

Sull’episodio è intervenuto anche Gabriele Piazzoni, segretario generale di Arcigay: “Purtroppo è sempre la realtà a fornirci la replica definitiva a chi in queste ore in Parlamento minimizza il tema dell’odio omobitransfobico per far naufragare ancora una volta la proposta di legge che la Camera si appresta a discutere”. Oltre a esprimere solidarietà ai due ragazzi aggrediti a Vernazza, Pianozzi ha spiegato come l’associazione non sia più disposta ad accettare più “i rinvii e i pelosi alibi di chi cerca su questi temi di costruire trattative al ribasso, tutte ideologiche e finalizzate a saldare il consenso di certi leader con i gruppi di estrema destra. Fuori dai palazzi ci sono le vite delle persone e la nostra pretesa di rispetto e tutela per quelle vite non accetterà compromessi o trattative”.

Di clima d’odio parla poi Fabrizio Marrazzo, portavoce di Gay Center:  “Al nostro servizio Gay Help Line 800 713 713, riceviamo circa 50 segnalazioni di episodi di omotransfobia al giorno per un totale di 20 mila l’anno, il clima contro le persone Lgbt (lesbiche, gay, bisex e trans) purtroppo è sempre più grave in Italia”.

Solidarietà alla coppia di bolognesi anche dal presidente della provincia della Spezia, Pierluigi Peracchini esprime.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy