Condividi:
104314697 94d87e7f 1ef3 4581 bae2 58068cd4cafe - Kenya, cinque elefanti morti in due roghi provocati da soldati britannici

Un soldato britannico inavvertitamente avrebbe scatenato un brutto incendio sulle colline di Laikipia, a Nord del Kenya, accendendo mercoledì sera il fuoco per cucinare nel campo di Lolldaiga, dove si addestra l’esercito del Regno Unito. Quattro elefanti sono quasi certamente morti. Lo riporta il Daily Mail. Una settimana fa, sempre in quest’area, un altro incendio inglese ha ucciso un cucciolo di elefante

I pachidermi sarebbero rimasti intrappolati dalle fiamme nell’area circondata dalla recinzione elettrica, creata appositamente per evitare che gli animali si introducano nell’area di addestramento. L’ultimo rogo sta ancora devastando i 3.200 ettari di Lolldaiga. Centinaia di militari britannici e i ranger del Kenya Authority Wildlife sono al lavoro per cercare di contenere i danni e fermare le fiamme.

Il cucciolo di elefante morto una settimana fa era rimasto bloccato dopo che un soldato dell’esercito britannico aveva appiccato il fuoco nel bush per tenere lontana una famiglia di pachidermi. Il piccolo non ce l’ha fatta a scappare ed è morto.

L’esercito ha annunciato che è stata aperta un’inchiesta su entrambi gli incidenti, ma non ha rilasciato alcun commento su quanto successo. In Kenya ci sono oltre mille soldati stanziati a Nord, impegnati ad addestrare i colleghi kenyani (Batuk).

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy