Condividi:

la cina costretta a chiudere il consolato di houston obbligati da washington reagiremo - La Cina costretta a chiudere il consolato di Houston: "Obbligati da Washington, reagiremo"

PECHINO – La Cina ha annunciato di essere stata costretta dagli Stati Uniti a chiudere il suo consolato a Houston, in Texas. Una mossa descritta come una “provocazione” da Pechino. “La Cina condanna fermamente questa azione scandalosa e ingiustificata”, ha detto ai giornalisti il portavoce della diplomazia cinese Wang Wenbin, minacciando “ritorsioni” contro Washington.

“È una provocazione unilaterale e mina le relazioni bilaterali”, ha detto Wang. Si tratta di “una grave violazione delle leggi internazionali, delle norme alla base delle relazioni internazionali e delle misure relative ai trattati consolati Cina-Usa, ed è un tentativo deliberato di minare le relazioni Cina-Usa”. Secondo fonti citate dalla Reuters, Pechino starebbe pensando di chiudere il consolato americano a Wuhan, che però è deserto dal gennaio scorso dopo essere stato evacuato per il coronavirus.

Alle otto di ieri sera, riporta la tv locale Kprc 2, i pompieri di Houston hanno ricevuto una chiamata per un incendio scoppiato proprio nella sede diplomatica cinese. Arrivati sul luogo si sono resi conto che le fiamme erano state provocate dalla stessa ambasciata che stava dando alle fiamme centinaia di documenti.

“Si sentiva benissimo l’odore della carta che bruciava, Tutti i pompieri circondavano l’edificio ma non riuscivano a entrare”, ha raccontato un testimone alla Kprc2.

Una fonte del dipartimento di polizia di Houston ha riferito alla tv che il consolato cinese e un altro complesso in Almeda Road, dove vivono diversi impiegati della sede, sono stati invitati a lasciare le loro case venerdì alle 16.

“il consolato cinese a Houston è stato chiuso per proteggere la proprietà intellettuale americana e i dati privati americani”, ha commentato il portavoce del dipartimento di Stato dopo la protesta da Pechino. ” La Convenzione di Vienna afferma che i diplomatici statali devono rispettare le leggi e le regole del Paese ospitante e hanno il dovere di non interferire negli affari interni di quello Stato'”.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy