Condividi:

Come parte della prossima missione su Marte, la Nasa sta inviando un elicottero sperimentale per volare attraverso la sottile atmosfera del pianeta rosso, scrive il New York Times. Quest’estate l’agenzia spaziale tenterà di fare qualcosa che non è mai stato fatto prima: far volare un elicottero attraverso l’atmosfera rarefatta di Marte.

la nasa pronta a volare su marte con un elicottero speciale - La Nasa pronta a volare su Marte con un elicottero speciale

L’elicottero Ingenuity della Nasa (foto Nasa)

Il decollo non sarà banale: sulla superficie di Marte l’atmosfera è solo 1/100 più densa di quella terrestre ma la gravità minore – un terzo della nostra.  Alzarsi in volo sul Pianeta Rosso equivale a farlo da un’altitudine di 100.000 piedi sulla Terra. Nessun elicottero terrestre è mai volato così in alto, e rappresenta più del doppio dell’altitudine a cui normalmente volano i jet. Per agevolare l’operazione il rotore del Mars Helicopter girerà molto più veloce, assicurando un’efficace ascensione. Andrà a energia solare e potrà operare per un massimo di 90 secondi al giorno a centinaia di metri di altezza, con una autonomia totale di 1 mese circa. Un domani, inoltre, potrebbe essere realizzabile uno ‘sciame’ di questi droni, sparsi ovunque su Marte, in modo da poter raccogliere dati geologici e meteorologici su una vasta regione.

Se funzionerà, il piccolo elicottero, chiamato Ingenuity, aprirà una nuova strada ai futuri esploratori robotici che potranno avere una visione a volo d’uccello di Marte e di altri mondi del sistema solare.

“Sarebbe un’impresa storica, comparabile al primo volo dei fratelli Wright, ma su un altro pianeta”, ha dichiarato MiMi Aung, responsabile del progetto dell’elicottero su Marte al Jet Propulsion Laboratory della Nasa negli ultimi sei anni.

L’elicottero farà un giro sul pianeta rosso con Perseverance, un rover robot destinato alla missione Mars 2020 che dovrà, come il suo predecessore Curiosity, cercare tracce di vita sul suolo marziano e inviare dati da analizzare per studiare il Pianeta Rosso. La missione è prevista per il 20 luglio e sarà la quinta volta per un robot inviato su Marte dalla Nasa.

Durante una conferenza stampa della settimana scorsa sulla missione di Perseverance, Jim Bridenstine ne ha sottolineato la genialità. “La cosa che mi ha entusiasmato di più come amministratore della Nasa è prepararsi a guardare un elicottero volare su un altro mondo”, ha detto.

Fino al 1997, i veicoli spaziali inviati sulla superficie di Marte erano fissi. Ma nel 1997, la missione Pathfinder ha incluso un’innovazione rivoluzionaria: un robot su ruote che ha permesso, con la sua libertà di movimento, di essere guidato sulla superficie per osservare il paesaggio con la possibilità di fermarsi ad osservare da vicino le rocce. Ed è stata proprio questa la chiave per arrivare a ciò che sappiamo oggi del Pianeta che ora freddo e secco, un tempo aveva acqua e possedeva ambienti potenzialmente adatti alla vita dell’uomo. 

Dopo il successo di Sojourner, così si chiamava, dalle dimensioni abbastanza contenute, hanno fatto seguito due rover ben più grandi, Spirit e Opportunity, che sono arrivati ??su Marte nel 2004 e poi su Curiosity, delle dimensioni di un’auto, nel 2012.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy