Condividi:
160541896 be8d61d6 e163 437e 9a36 65b8aec6db2a - Lecce, 12enne in classe con coltello minaccia di darsi fuoco: bloccato dalla prof. Gli avevano cambiato posto

Si è presentato in classe con un coltello, una bottiglia contenente liquido infiammabile e un accendino con il proposito di dare fuoco a se stesso e ai suoi compagni perché giorni prima a causa del suo carattere estremamente irrequieto era stato spostato di banco. E’ accaduto nella mattinata di mercoledì 13 ottobre nella scuola media di un comune del Salento.

Sul caso la Procura dei minori di Lecce ha aperto un fascicolo d’indagine anche se il protagonista ha appena 12 anni ed è sotto l’età minima per poter essere perseguito. Il bambino, di origini brasiliane, ha atteso l’arrivo della professoressa che, giorni prima, aveva deciso di spostarlo di banco. Dallo zaino ha preso un coltello da cucina puntandolo contro una sua compagna. Subito dopo ha preso in mano un accendino e la bottiglietta di plastica con all’interno del solvente che ha iniziato a cospargere su di sé e per terra con l’intenzione di appiccare il fuoco.

Fortunatamente il ragazzino è stato bloccato in tempo dall’insegnante mentre in aula si è scatenato il parapiglia. Urla, richieste d’aiuto e un fuggi-fuggi generale. Il dirigente scolastico non ha perso tempo. Ha chiamato i carabinieri arrivati dopo pochi minuti a scuola. I militari hanno sequestrato il coltellino, l’accendino e la bottiglia contenente ancora residui del liquido mentre il 12enne è stato accompagnato all’ospedale di Galatina da dove è stato dimesso, poco dopo, con una prognosi di 5 giorni.

Non sono state registrate conseguenze fisiche per nessuno. Purtroppo il 12enne, nonostante la giovanissima età, ha alle spalle una lunga storia di violenze. Da un anno e mezzo vive in Salento, ospite di alcuni zii che chiama affettuosamente “mamma” e “papà”. La sua vera famiglia non c’è più. Il bambino è cresciuto in una favela brasiliana. Abbandonato dalla madre subito dopo la nascita è cresciuto con il padre e la nonna uccisi alcuni anni fa in un regolamento di conti tra gang davanti ai suoi occhi. 

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy