Condividi:
001644877 fbd638a9 4e07 4c95 9242 348dd296ed4f - L'ex agente di commercio: “Via giacca e cravatta, la crisi mi ha ridotto a fare il rapinatore”

TREVISO – «Fino a poco tempo fa per uscire di casa indossavo giacca e cravatta, l’altro giorno mi sono ritrovato a provare un passamontagna. Guardavo l’uomo riflesso sullo specchio e mi chiedevo chi fosse. Ora per la legge sono un rapinatore, in realtà sono soltanto una persona disperata». Paolo Menoncello, 59 anni, ex agente di commercio, ex amministratore delegato dell’azienda di famiglia, ex marito, padre di un figlio che vede pochissimo, tiene la testa tra le mani e non si dà pace. Arrestato due volte in sette giorni per aver tentato di rapinare prima un ufficio postale e poi la filiale di una banca. Che non sia il suo mestiere sembra assodato ma a questo punto ci è arrivato attraverso un percorso accidentato che nel 2020 trova un baratro. Prima economico e poi anche personale. «Come si può vivere con 1.200 euro al mese? Con la metà che se ne va in tasse, e poi l’affitto, le bollette. Mi sentivo all’angolo, non vedevo soluzioni. Ho comprato una pistola giocattolo e mi sono buttato».

Paolo Menoncello, partiamo dalla fine: le due rapine. Da un giorno all’altro si sveglia e va a rapinare una banca?
«Ci pensavo ormai da qualche giorno, mi servivano soldi. Sono andato in un negozio e ho speso gli ultimi soldi che avevo in tasca per una pistola a salve: 80 euro mi è costata. Poi ho fatto le prove con la mascherina chirurgica e il berretto. Sentivo di potercela fare e ho provato».

Venerdì mattina ha colpito all’ufficio postale di Paese, martedì alla Volksbank di Quinto.
«Le Poste sono a circa quattro chilometri da casa mia. Ci sono andato con la mia macchina, una Volvo V40 station wagon, quella che usavo per fare il rappresentante. Quando sono entrato ho provato a fare il duro. Gridavo, chiedevo i soldi ma avevo più paura delle persone che stavano dietro le casse. Mi sono fatto dare il malloppo, sembrava fatta».

E invece cos’è successo?
«Le gambe mi tremavano, avevo il cuore a mille, ero impacciato. Appena uscito due persone mi sono saltate addosso e mi hanno fermato. Di lì a poco sono arrivati i carabinieri. In caserma ho spiegato loro la mia storia».

Le avevano concesso gli arresti domiciliari perché è incensurato. Come le è venuto in mente di riprovarci?
«Io sono rimasto senza soldi. Come faccio a vivere? Quando una persona è disperata può arrivare a fare anche questo».

Anche in banca non è andata proprio bene, giusto?
«Sono entrato con il volto coperto, ho chiesto i soldi a una impiegata. Mentre mi parlava è sbiancata, ha perso forza sulle gambe e si è seduta. Mi è dispiaciuto un sacco vederla così provata. Non me la sentivo di continuare e così sono uscito, me ne sono tornato a casa. Dopo poco sono arrivati i carabinieri».

Come si è svolta la sua carriera professionale?
«Ho fatto per tanti anni l’agente di commercio, poi a un certo punto ho rilevato l’azienda di mio padre, la Ctt (Commerciale trevigiana Tuttauto). Quando l’ho presa in mano aveva debiti per 3 milioni di euro e la situazione non è migliorata. Nel 2004 siamo arrivati al fallimento. Così sono tornato a fare l’agente di commercio. Negli ultimi 10 anni ho venduto contratti per le utenze di luce e gas».

C’è stata una flessione del mercato anche in quel settore?
«Prima della pandemia guadagnavo più di 2 mila euro al mese, nel 2020 ho dimezzato gli introiti. La gente non ha più soldi e non si fida più di nessuno. Con il porta a porta è dura. Niente contratti, niente soldi».

Le va di parlare della sua vita privata?
«Mi sono separato nel 2019 e mio figlio lo vedo pochissimo».

Come si sente in questo momento?
«Ho paura, il futuro mi terrorizza. Ho paura di finire in galera ma mi spaventa ancora di più di restare senza un soldo in tasca».

C’è qualcosa che vorrebbe dire?
«Vorrei chiedere scusa a tutti, ai dipendenti delle Poste e della banca. Vorrei dire loro che non sono un rapinatore, sono soltanto una persona disperata che non vede più l’orizzonte».

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy