Condividi:

Saadi Gheddafi, il figlio dell’ex leader libico Muammar Gheddafi, che era detenuto in una prigione di Tripoli, è stato rilasciato in esecuzione di un ordine del tribunale, ha spiegato il ministero della giustizia.Saadi, ex calciatore professionista, era detenuto con l’accusa di crimini commessi contro i manifestanti nel 2011 e dell’uccisione nel 2005 del calciatore libico Bashir al-Rayani.

Il terzogenito del ‘Colonnello’ Gheddafi era detenuto in un carcere di Tripoli dal 2014. Saadi ha avuto un passato da calciatore professionista e nel 2003 esordì nel campionato italiano in Serie A, a Perugia, grazie all’ex presidente della società umbra Luciano Gaucci.

L’arrivo del figlio di Gheddafi fu celebrato con una festa sfarzosa a Torre Alfina, nel castello del 1200 della famiglia Gaucci. Ma l’avventura italiana del terzogenito di Gheddafi è durata poco: è infatti risultato positivo all’antidoping dopo la sfida Perugia-Reggina. Pochi i minuti complessivi giocati in campo.

Dopo un altro anno al Perugia, nel frattempo retrocesso in serie B, Gheddafi passa all’Udinese. Saadi passerà poi alla Sampdoria. Lasciata l’Italia e i campi da calcio, il terzogenito di Gheddafi, durante la guerra civile libica, nel settembre 2011 fugge in Niger. Viene catturato e incarcerato a Tripoli nel 2014.

Nell’agosto del 2015 venne diffuso un video in cui Saadi veniva torturato dalle milizie islamiche. Il 19 dicembre 2017 la famiglia denunciò di aver perso ogni contatto con lui, detenuto in isolamento senza la possibilità di vedere neanche il suo avvocato.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy