Condividi:

Si trovano al largo delle coste siciliane la ResQ People e la Geo Barents di Medici senza frontiere. La prima con 166 migranti, tra cui 12 minori e bimbi sotto i 5 anni, uno dei quali di nove mesi, ha cercato riparo dal vento a circa 15 miglia dalla costa tra Siracusa e Augusta.

Il team, di cui fa parte anche Cecilia Strada, figlia del fondatore di Emergency, ha chiesto più volte l’assegnazione di un porto sicuro. L’altra nave, con 214 persone soccorse, si trova al largo di Lampedusa.

“Le navi di soccorso sono fatte per soccorrere, non per aspettare. Abbiamo chiesto a tutte le autorità competenti un porto sicuro dove far sbarcare queste persone, che hanno già patito abbastanza. Confidiamo di riceverlo al più presto”. Così Cecilia Strada, figlia di Gino, fondatore di Emergency, a bordo della Resq People.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy