Condividi:

Quella macchina non funzionava bene e in azienda lo sapevano. Laila El Harim, la dipendente di 40 anni rimasta stritolata martedì mattina dalla fustellatrice a cui lavorava, lo aveva segnalato. Ogni volta che si verificava un blocco, la donna faceva le foto col cellulare. Immagini che usava per spiegare il problema ai tecnici che intervenivano e ai suoi capi. Scatti trovati nella memoria del suo telefonino. Inoltre la sera Laila, quando dopo una giornata alla  Bombonette, la fabbrica di cartoni per l’imballaggio di dolci a Camposanto, tornava a casa, ne parlava spesso anche col compagno Manuele Altiero.

“Se ne lamentava spesso – racconta l’uomo col quale lei aveva una bambina e si doveva sposare Diceva che la fustellatrice si bloccava, che non andava. E spesso dovevano intervenire gli elettricisti” . Ora di quei guasti ricorrenti si dovrà occupare anche la Procura di Modena che ha già aperto un fascicolo per omicidio colposo nel quale è indagato il legale rappresentante della fabbrica.

DOSSIER: MORIRE DI LAVORO

Saranno i magistrati attraverso i propri esperti a stabilire se ci sia una correlazione tra i malfunzionamenti di cui si parla e la morte della giovane madre. Laila teneva anche un diario nel quale, oltre a fatti personali, segnava l’andamento della giornata lavorativa. In quelle pagine secondo quanto dice il compagno, non vi sarebbero “riferimenti specifici, ma solo annotazioni generali come “oggi è andata così così” o frasi simili”. Di certo c’è che nel suo ruolo di dipendente, la vittima era nota per il suo senso di responsabilità, la sua dedizione e il rigore col quale da 15 anni in quel settore svolgeva le mansioni che le erano assegnate.

L’avvocata della famiglia della vittima, Monica Rustichelli, ha già annunciato che in caso di necessità nominerà dei periti tecnici “per esaminare il macchinario”. Gli investigatori adesso stanno cercando di capire perché il sistema di sicurezza fosse attivabile solo manualmente. Del caso ha parlato anche il ministro del Lavoro Andrea Orlando, durante il question time di ieri. E ha detto parole molto dure. Per il componente del Governo, infatti, ” tutti i controlli del mondo ” non servirebbero “se fosse vero quello che emerge dalle prime indagini”.

In altri termini: “Se una macchina durante il controllo risulta idonea, ma poi viene disattivato il suo dispositivo di sicurezza, tutto gli sforzi vengono vanificati”. Una frase significativa che spiega cosa sarebbe accaduto.
Intanto anche ieri decine di fabbriche del modenese si sono fermate per una prima mobilitazione della Cgil provinciale. Sul fronte politico si è mosso anche l’assessore regionale al Lavoro, Vincenzo Colla: “C’è un incremento inaccettabile degli episodi di morte sul lavoro, è urgente rafforzare il sistema. Per questo abbiamo intenzione di parlarne nella prossima riunione del Patto per il Lavoro “.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy