Condividi:

NIZZA – Un uomo armato con un coltello ha ucciso due persone e ne ha ferite molte altre in una cattedrale nella città francese di Nizza.

L’aggressore ha agito verso le 9 locali di questa mattina, è entrato nella cattedrale Notre-Dame nel centro di Nizza, in Avenue Jean-Medecin, ha decapitato una donna e ucciso un pensionato di 70 anni. Secondo quanto riferiscono fonti di polizia l’assalitore è stato fermato dalla polizia. Ferito, è stato portato in ospedale. Gli agenti l’hanno arrestato dopo aver fatto irruzione sparando. Le forze dell’ordine non escludono la presenza di complici.

“Sono due i morti, un uomo e una donna. La donna è stata decapitata”, lo ha detto ai microfoni di Bfmtv Laurent Martin de Fremont, ufficiale di polizia di Nizza. In un primo momento sembrava che ad essere decapitato fosse stato un uomo.

Il sindaco di Nizza Christian Estrosi ha confermato che il presunto colpevole è stato arrestato e ha ringraziato la polizia per la rapida risposta. “Tutto lascia supporre un attentato terroristico nella basilica di Notre-Dame”, ha confermato.

La polizia ha chiuso la zona e consigliato ai cittadini di non avvicinarsi. “Evitate il settore e seguite le indicazioni”, ha scritto il ministro dell’Interno, Gérald Darmanin. Stesso messaggio sul profilo Twitter della Police Nationale. “Operazione polizia in corso. Evitate il settore Notre-Dame-Centro-Città-Nizza”. Intanto, una cellula di crisi è stata aperta a Place Beauvau, sede parigina del ministero dell’Inerno. Un minuto di silenzio osservato all’Assemblea Nazionale.
Il motivo dell’attacco è ancora poco chiaro ma arriva a pochi giorni dalla decapitazione dell’insegnante di scuola media francese Samuel Paty da parte di un uomo di origine cecena. L’aggressore aveva detto di voler punire Paty per aver mostrato agli alunni vignette su Maometto in una lezione di educazione civica.

Il 25 settembre  un pachistano di 18 anni ha accoltellato due persone ferite fuori dai vecchi uffici della rivista satirica Charlie Hebdo. L’uomo ha ammesso alla polizia di aver preso di mira la rivista per aver pubblicato le vignette del profeta Maometto.

“La rabbia in Francia sta montando, da giorni si avvertiva qui a Nizza un’esasperazione palpabile”, ha detto un testimone. “Mi sono rintanato dentro l’ufficio perché vedevo la gente correre. Ho sentito sette colpi d’arma da fuoco e ho avuto molta paura”, ha aggiunto all’Agi Fabrice Viriglio, proprietario di un’agenzia assicurazione accanto alla cattedrale di Nizza.

 

Fonte: Repubblica

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy