Condividi:

Sarà un’altra lunga giornata a bordo della Ocean Viking che da questa mattina è all’ancora fuori da Porto Empedocle in attesa di istruzioni dalla Capitaneria di porto per far scendere le 180 persone salvate 12 giorni fa in tre diverse operazioni di soccorso nel Mediterraneo.

Il trasbordo sulla nave Moby Zaza, noleggiata dalla Protezione civile per la quarantena dei migranti che arrivano in Italia, non avverrà prima del tardo pomeriggio, quando dovrebbe essere noto l’esito dei tamponi effettuati ieri a bordo dal personale della Asp e dell’Usmaf di Ragusa e dopo che saranno concluse le operazioni di sanificazione della Moby Zaza dalla quale oggi scendono 169 persone, reduci dal precedente sbarco della Sea Watch, che hanno concluso il periodo di isolamento e sono risultate negative al tampone.

A bordo, isolate sul ponte zona rossa della nave quarantena, restano in 30, coloro che erano risultati positivi nei giorni scorsi e che non si sono ancora negativizzati. Da eventuali positività che dovessero essere riscontrate tra i migranti della Ocean Viking dipende la sorte dell’equipaggio che potrebbe essere invitato dalla sanità marittima a rimanere a sua volta per 14 giorni in quarantena sulla nave.

Resta invece da risolvere la drammatica situazione del mercantile Talia che alcuni giorni fa ha soccorso in zona Sar maltese un gruppo di 52 migranti alla deriva su un gommone. Tra loro anche il diciassettenne eritreo, ieri poi portato a terra a Malta in evacuazione medica d’urgenza, la cui foto ( portato a braccia da un marinaio della Talia) ha commosso il mondo. Il mercantile da tre giorni chiede alle autorità maltesi di poter trasbordare i migranti e proseguire nella sua rotta commerciale ma le autorità de la Valletta si rifiutano di intervenire se prima non avranno assicurazioni dall’Europa sulla redistribuzione dei migranti.

Sono tutti in buone condizioni i 54 sbarcati ieri a Crotone da un veliero.  Tra loro una donna con il suo bambino di pochi mesi ed altri 13 minori. Sono stati intercettati mentre viaggiavano su un veliero da una motovedetta della Guardia di finanza, che li ha condotti fino al porto. Sul posto anche il personale del 118 e della Croce Rossa.I migranti sono stati portati nel centro di accoglienza di Isola Capo Rizzuto, dove sono stati collocati in quarantena in attesa di essere sottoposti ai tamponi anti Covid.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy