Condividi:

VARSAVIA – La Polonia torna alle urne. Deciderà il futuro del Paese un margine esiguo di voti. La sfida nel ballottaggio per la presidenza contrappone due diverse visioni: quella del presidente ultraconservatore Andrzej Duda, alleato del Partito nazionalista del diritto e della giustizia (PiS), e quello del candidato liberale Rafal Trzaskowski, che si dichiara l’uomo del cambiamento e vuole riallacciare il legame con Bruxelles. Al primo turno Duda ha ottenuto il 43,7% e il sindaco di Varsavia Trzaskowski il 30,3%. I sondaggi danno i due testa a testa nel secondo turno.

rep

Sono 30 milioni i cittadini aventi diritto di voto e si prevede che l’affluenza alle urne sarà superiore al 64,51% del primo turno del 28 giugno. I seggi elettorali rimangono aperti fino alle 21 quando usciranno i primi exit poll. I risultati ufficiali sono previsti all’inizio della settimana.

Il voto si svolge nel pieno della pandemia che in Polonia ha causato oltre 37.000 contagi e quasi 1.600 morti. Gli elettori devono indossare maschere e guanti, mantenere la distanza di sicurezza e igienizzare le mani con disinfettante. Possono usare le proprie penne per segnare le schede. Anche i funzionari elettorali devono indossare maschere e sedersi distanti l’uno dall’altro. Le urne saranno regolarmente disinfettate e i seggi elettorali saranno ventilati. Andrzej Duda
Il presidente in carica Andrzej Duda, 48 anni, è un avvocato di formazione che ha vinto a sorpresa nel 2015 rappresentando il volto giovane e moderato del partito Legge e Giustizia (PiS) guidato da Jaroslaw Kaczynski. E’ un cattolico conservatore che dice di voler difendere il modello tradizionale di famiglia. Sostiene il programma di welfare del governo, in base al quale le famiglie ricevono 500 zloty (110 euro) al mese per ogni bambino fino all’età di 18 anni.

Molte famiglie polacche, nei villaggi e nelle piccole città in povertà, sono state aiutate grazie alle politiche del governo ed è grazie a questo che Duda ha vinto al primo turno due settimane fa. Ha giurato di proteggere le famiglie polacche da quella che chiama un’importata “ideologia Lgbt” che cerca aggressivamente di sessualizzare i bambini. Duda è anche sostenuto dal presidente statunitense Donald Trump che si è complimento per il suo “lavoro notevole” e, poco prima delle elezioni, lo ha ricevuto in visita alla Casa Bianca.

Rafal Trzaskowski
Anche Trzaskowski ha 48 anni ed è membro della Piattaforma civica polacca di centro-destra che ha governato la Polonia tra il 2007 e il 2015, per lo più sotto la guida di Donald Tusk prima che fosse eletto a capo del Consiglio europeo. Il sindaco di Varsavia è a favore dell’Ue ed è molto popolare nelle principali città polacche. In un’intervista alla Bbc, ha riconosciuto che alcuni membri del governo di cui è stato ministro sono stati a volte “un po’ accondiscendenti” nei confronti degli elettori.

Rappresenta l’ala più liberale del partito e, come sindaco di Varsavia, ha partecipato alle marce per l’uguaglianza Lgbt e ha proposto di introdurre corsi nelle scuole della capitale per contrastare il bullismo contro le minoranze. In un’intervista ha sostenuto che la Polonia è ancora democratica, ma che la sua “democrazia è sotto attacco”, poiché il governo sta politicizzando le istituzioni indipendenti, come la magistratura, e sta cercando di spogliare il governo locale dei suoi poteri. Come ex europarlamentare, Trzaskowski afferma di volere che la Polonia assuma un ruolo più attivo nei negoziati dell’Ue. Teme che, una volta ridotto il beneficio finanziario proveniente dall’adesione, l’antipatia dell’attuale governo nei confronti di alcuni aspetti del progetto europeo potrebbe alla fine portare la Polonia a lasciarla.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy