Condividi:

LONDRA – “Papà, dove sei?”, titola il Daily Mirror in prima pagina oggi. Già, perché papà Andrea è stato rimosso dalle foto ufficiali. Altrimenti sarebbe stato troppo l’imbarazzo per la casa reale. E così, nelle istantanee del matrimonio segreto di venerdì scorso ora pubblicate da Buckingham Palace, ecco finalmente i due freschi sposi, ossia la principessa Beatrice – figlia del duca di York e della duchessa Sarah Ferguson – e il ricco imprenditore Italiano Edoardo Mapelli Mozzi, fuori dalla Royal Chapel of All Saints nel Windsor Great Park, a pochi chilometri di distanza dalla tenuta della sovrana.

Elisabetta che insieme al marito Filippo – in discreta forma nonostante le bufale sulla sua “morte e imbalsamazione” circolate di recente soprattutto in Italia – sono gli unici altri membri dei Windsor a comparire nelle foto. 
 

Nozze celebrate venerdì scorso in segreto, le più riservate da oltre 235 anni, quando Giorgio IV si unì sempre in segreto all’amante cattolica Maria Fitzherbert, e le prime con il distanziamento sociale. Tra la ventina di ospiti presenti, c’erano come detto Elisabetta e Filippo, ma anche il papà di Beatrice, il principe Andrea, svanito però dalle foto ufficiali di sua figlia in quanto travolto dallo scandalo sessuale di Jeffrey Epstein.

Eppure, era la prima volta del duca di York insieme alla madre sovrana dopo l’inizio del lockdown e l’arresto della sua amica ed ex compagna di Epstein, Ghislaine Maxwell, pesantemente sospettata di complicità nei crimini del miliardario americano. C’era poi anche Sarah Ferguson, controversa madre della sposa ed ex consorte di Andrea (anche se i due vivono ancora insieme), pure lei, per non infliggere ulteriore vergogna sul duca di York, esclusa dalle foto ufficiali.

Presenti alla cerimonia anche i genitori di Edoardo, il padre nobile e olimpionico Alex Mapelli Mozzi, la madre Nikki Williams-Ellis, e la sorella Natalia Yeomans, mentre non hanno partecipato il principe Carlo (zio di Beatrice) e Camilla (che proprio venerdì scorso ha festeggiato il suo 73esimo compleanno) e neppure i duchi di Cambridge Kate e William (Harry e Meghan si sono trasferiti da tempo in California). Per l’occasione, Beatrice ha indossato un abito vintage e una tiara di diamanti della nonna Elisabetta. Il primo, color avorio, scelto dalla sovrana nel 1966 per la cerimonia di apertura del Parlamento, ma anche la tiara sul capo della sposa 31enne, la Queen Mary diamond fringe donata all’attuale sovrana dalla Regina Vittoria, adornò il capo di Elisabetta per il suo matrimonio con Filippo nel 1947.  
 

L’estrema riservatezza causa coronavirus del matrimonio, seppur non di risonanza mondiale come quelli di William e Kate o di Meghan e Harry, alla fine è stata un mezzo toccasana per tutti, perché si è discusso per mesi della impresentabilità di Andrea nell’accompagnare all’altare Beatrice e quindi si era pensato a vari sostituti per ovviare a una presenza scottante e per molti imbarazzante come la sua. Anche per le vicissitudini di Andrew, Beatrice ed Edoardo non volevano troppa ribalta: originariamente il matrimonio era stato pensato per 150 selezionatissimi invitati, con una cerimonia religiosa alla Chapel Royal di St James’s Palace, a Londra, e poi ricevimento nei giardini di Buckingham Palace. Tutto previsto per fine maggio scorso e ovviamente tutto annullato. Inoltre, ora era il momento giusto anche per Elisabetta: la sovrana a fine luglio dovrebbe trasferirsi nell’altra tenuta di Balmoral, in Scozia, e quindi il matrimonio di Beatrice ed Edoardo s’aveva da fare in questi giorni, per non costringere la regina a doversi rispostare subito dopo.
 
 
 Fonte: Repubblica

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy