Condividi:
222025620 d0b5203d 8ea1 43a7 916a 551724b6af7a - Regno Unito, pasti gratis ai bambini poveri: Rashford vince la battaglia contro il governo

LONDRA – Marcus Rashford lo ricorda ancora oggi: mamma Melania di origine caraibica aveva quattro figli da far crescere da sola alla periferia di Manchester oltre vent’anni fa. “Ha lavorato tantissimo per non farci mancare niente”, dice la stella della nazionale di calcio inglese e del Manchester United, “Io da bambino l’ho capito subito. Poteva comprarci solo uno yogurt a testa, altre volte il cibo a tavola non c’era e allora io provavo a mangiare da un amico. Ma io e miei fratelli, nonostante qualche mancanza, ce la siamo cavata abbastanza bene”, ricorda il 23enne attaccante inglese, “anche perché mia madre fece l’impossibile per farmi entrare nell’accademia dello United a 11 anni (anziché dei canonici 12, ndr), mentre ancora oggi ci sono tantissimi altri bambini per cui mangiare è un’impresa ogni giorno”.

Per questo Marcus Rashford da mesi ha lanciato una straordinaria campagna sui suoi social network contro la povertà minorile in Inghilterra, una piaga nascosta nel civilissimo e in parte ricchissimo Regno Unito, e spesso invisibile, soprattutto al Nord e al centro, nonché in alcune parti del Galles. Rashford invece la povertà l’ha vista con i suoi occhi e la vede ancora oggi: “Non riesco a credere che tutto questo possa accadere ancora nel 2020. Per questo non starò mai zitto”.

Oggi Rashford è diventato un idolo per tantissimi bambini e ragazzini in Inghilterra, soprattutto i più poveri: disegni dei più piccoli e intere stanze a lui sono dedicate nelle scuole, magazzini delle mense del cibo hanno il suo nome, centinaia di migliaia di retweet ogni giorno su Twitter e, pochi giorni fa, l’eccelsa onorificenza “Member of the British Empire”, dono diretto della Regina Elisabetta ammaliata dagli sforzi del giovane Marcus contro la povertà minorile nel suo Paese. Peccato che però, nonostante tutto, Boris Johnson e il suo governo non sentano Marcus.

L’ultimo scontro tre giorni fa. Rashford lancia la campagna per garantire a tutti i bambini connazionali un pasto gratis (o in alternativa un buono pasto) anche durante le imminenti chiusure delle scuole a causa della pausa “half-term” e poi durante il Natale. Questo perché, e sembra incredibile nella ricca e civilissima Inghilterra, in molte zone del Nord e del centro, come la periferia di Manchester dove è cresciuto Rashford, la mensa scolastica è spesso l’unico posto dove tanti bambini mangiano l’unico vero pasto della loro giornata. Si tratterebbe di una spesa di “pochi” milioni per l’esecutivo.

L’opposizione laburista cavalca la rivolta e presenta un emendamento-trappola a favore della proposta Rashford, ma la maggioranza conservatrice di Boris Johnson la boccia, nonostante la scontata figuraccia nazionale che ne sarebbe scaturita. Del resto, è il ragionamento dei tories, abbiamo già ceduto la scorsa estate quando Rashford aveva fatto una simile richiesta durante il lockdown, allora accettata.

Scoppia la rivolta online. Rashford, che tiene tanto alla sua causa anti povertà soprattutto dopo il 2019 quando firma un nuovo ricchissimo contratto con lo United, non rimane zitto e continua ad incalzare il governo. Non solo a colpi di tweet e post su Facebook. Ieri, per dire, ha dato l’esempio presentandosi in una banca del cibo di Manchester insieme alla adorata madre Melania, a scaricare e caricare cibo per poveri. Con gli inglesi in visibilio sui social.

La reazione del pubblico e della società civile è stata commovente. Dopo l’emendamento “Rashford” bocciato dal Parlamento a maggioranza conservatrice, nelle ultime ore decine, anzi centinaia di ristoranti, pub e bar di tutta l’Inghilterra, molti “disgustati” dalla  “crudeltà del governo” (come titolava l’altro giorno il Daily Mirror), hanno annunciato che offriranno pasti gratis a tutti gli scolari della zona, dalle Midlands allo Yorskshire. Una generosità straordinaria, nonostante la grave crisi del Covid 19. Il colosso dei fast food McDonald’s si è aggiunto poco dopo, annunciando addirittura un milione di pasti gratis ai piccoli studenti e alle loro famiglie nelle prossime settimane. Cascata di belle notizie, e così ieri sera raramente si è visto Rashford così soddisfatto. Forse perché, Marcus, hai appena segnato il tuo gol più bello.
 

Fonte: Repubblica

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy