Condividi:

 Il leader di Italia Viva Matteo Renzi è indagato dalla procura di Firenze per emissione di fatture per operazioni inesistenti in relazione al compenso ricevuto per una conferenza ad Abu Dhabi. È lo stesso Renzi a darne notizia nel suo libro Controcorrente che lo stesso ex premier ha presentato oggi a Firenze.

Secondo quanto appreso poi da fonti investigative, Renzi sarebbe indagato in concorso con Carlo Torino, titolare di una società di Portici (Napoli), la Carlo Torino e associati, che avrebbe fatto da tramite per la ricezione del compenso. L’inchiesta sarebbe nata a seguito di una segnalazione della Uif, l’Unità di prevenzione antiriciclaggio, che avrebbe indicato movimenti di denaro poco chiari sul conto corrente della società del Napoletano.

Sempre dalla procura di Firenze e in particolare dall’inchiesta sulla Fondazione Open, sarebbero partiti gli accertamenti da cui è nata l’inchiesta della procura di Roma per finanziamento illecito che vede indagati Renzi e Lucio Presta.

La presentazione del libro

“Durante la presentazione del suo nuovo libro Renzi è invece intervenuto sul caso dell’indagine sul documentario. “Posso garantire che quel compenso, che appartiene alla mia sfera privata, lo uso per la mia vita privata: la mia attività politica è trasparente”. Il senatore e leader di Italia Viva è indagato per finanziamento illecito e false fatturazioni. Renzi, a margine della presentazione del suo libro ‘Controcorrente’ a Firenze, ha assicurato “piena disponibilità ai magistrati romani a offrire tutte le spiegazioni e i chiarimenti che vogliono”.

“Da parte mia c’è totaletranquillità personale e nessuna rabbia istituzionale”, ha aggiunto Renzi, sostenendo che “tutto è perfettamente documentato, lecito, legittimo e regolare”, e dunque “quando i magistrati ci chiederanno conto, vedranno dalle carte che è tutto a posto. Sono assolutamente tranquillo, perché questa roba non sta né in cielo né in terra”. Secondo il fondatore di Italia Viva “il tempo è galantuomo: avete visto quanta roba ci hanno buttato addosso? Ricordate le banche? Quante vicende giudiziarie ci hanno buttato addosso nel 2016? Di Maio ha chiesto scusa per Uggetti: e la Guidi? La Paita? La Boschi?”.

La candidatura di Letta a Siena

“Non abbiamo ancora discusso conil segretario Letta di questa cosa, lo faremo volentieri presto”. Ha detto Matteo Renzi. Sul piano locale, Renzi ha detto che “sosteniamo con convinzione” la giunta regionale della Toscana, “non sempre siamo d’accordo su tutto col Pd, ma lavoriamo insieme”, e però come Italia Viva “a Sesto Fiorentino non possiamo appoggiare chi ha fatto la battaglia contro l’aeroporto di Firenze – ha detto, riferendosi all’appoggio del Pd alla ricandidatura dell’attuale sindaco Lorenzo Falchi. “Voglio bene a Dario Nardella, gli sono vicino, e all’idea che sostenga un candidato sindaco che dice il contrario di quello che abbiamo sempre detto insieme, mi dispiace per lui”.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy