Condividi:

Rischiano fino a 20 anni di carcere le tre sorelle russe che due anni fa, alla periferia di Mosca, uccisero il padre, sfinite da una lunga serie di violenze, abusi sessuali, minacce di morte e umiliazioni da parte dell’uomo.

Si è aperto il 28 luglio, con l’udienza preliminare, il processo alle tre sorelle Khachaturjan – Krestina, Angelina e Maria (all’epoca del delitto, 19, 18 e 17 anni) – il cui caso ha scatenato un forte dibattito in Russia. 

Il caso risale al 27 luglio 2018. Le tre sorelle quel giorno avevano subìto l’ennesimo sopruso dal padre, il cinquantenne Mikhail Khachaturjan: prima aveva spruzzato loro addosso dello spray urticante e poi le aveva picchiate. “E’ stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso”, aveva raccontato Maria alla polizia subito dopo. Le tre lo hanno pugnalato e colpito con un martello fino ad ucciderlo.

rep

Nonostante la storia di comprovati abusi, a giugno 2019 i magistrati le hanno incriminate tutte e tre per omicidio premeditato. Secondo le zie, sorelle della vittima, le ragazze avevano organizzato a mente fredda il delitto per appropriarsi dei soldi del padre.

Krestina e Angelina saranno processate insieme, mentre Maria separatamente perchè minorenne e giudicata inferma mentale all’epoca dei fatti. A dimostrare l’importanza del caso, il fatto che la pubblica accusa sarà rappresentata dai procuratori Maria Semenenko e Gulchekhra Ibragimova, già impegnate nei processi contro gli assassini dell’ex vice premier Boris Nemtsov, della giornalista Anna Politkovskaja e dell’ex uomo più ricco di Russia, Mikhail Khodorkovskij.
 

Fonte: Repubblica

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy