Condividi:

NEW YORK – Michelle Obama in soccorso di Meghan Markle. “Le sue accuse di razzismo non mi hanno del tutto sorpresa”, ha detto infatti l’ex First Lady intervenendo nel corso di Today, il programma di punta del mattino di Nbc riguardo alle accuse che la duchessa di Sussex ha rivolto alla famiglia reale e ai giornali britannici nel corso della sua clamorosa intervista con Oprah Winfrey. Specificando: “La questione razziale non è un concetto nuovo in questo mondo per le persone di colore così non è stata una sorpresa sentirla esprimere determinati sentimenti”.

Ha però pure dato una lezione di stile alla moglie del principe Harry, ricordando: “Essere in una posizione pubblica significa non mettere al centro noi stessi, ma le persone che serviamo”. Intervistata da Jenna Bush Hager, la figlia anchorwoman dell’ex presidente George Bush, Michelle ha aggiunto di pregare per la ragazza: “Mi si è spezzato il cuore. Ora la cosa che spero e a cui penso principalmente è la famiglia, spero possano usare questo momento per arrivare al perdono e alla riconciliazione reciproca“. 

Harry parla con il padre Carlo e il fratello William, ma nessun disgelo

Contatti a dire il vero ci sono stati, ma la riconciliazione auspicata da Michelle no. Il principe Harry ha avuto i primi colloqui con il padre Carlo e il fratello maggiore William – primo e secondo nella linea di successione al trono britannico. Lo ha raccontato Gayle King, anchorwoman Usa amica della coppia “ribelle”, aggiungendo tuttavia che questi contatti si sarebbero rivelati per ora “non produttivi”: lasciando ciascuno fermo nelle proprie convinzioni e sensazioni.

“Non sto cercando di fare alcuno scoop – ha detto durante il talk show This Morning della Cbs – ma in effetti li ho chiamati (i Sussex) per vedere come si sentissero e posso dire che è vero che Harry abbia parlato con suo fratello e anche con suo padre… Mi è stato accennato che queste conversazioni non sono state produttive, ma che essi sono comunque lieti che un dialogo sia iniziato. Penso però siano ancora delusi che il palazzo abbia detto di voler affrontare le loro denunce ‘privatamente’, mentre continuano a uscire false storie per denigrare Meghan”.

Un futuro in politica per Meghan Markle?

In America l’intervista di Meghan è piaciuta tantissimo e non ha ricevuto certo le critiche europee, anzi: anche perché da questa parte del mondo nessuno si azzarda a contestare chi parla pubblicamente di discriminazioni e malattia mentale. Tanto meno se lo fa con la regina dei salotti televisivi Oprah, considerata garante di onestà.

Ma certo non aiutano nemmeno da questa parte del mondo le rivelazioni che Markle stia addirittura pensando di lanciarsi in politica addirittura mirando alla Casa Bianca. E avrebbe già discusso con i democratici l’ipotesi. Notizia, in realtà, avanzata per prima da alcuni giornali inglesi, in particolare dal Daily Mail partendo dalle informazioni anonime passate da uno stretto collaboratore dell’ex premier Tony Blair, secondo cui la duchessa starebbe intrecciando rapporti con donatori democratici americani, in cerca di finanziamenti. 

Certo, la portavoce di Meghan non ha smentito. E il suo biografo, Omid Scobie, conferma che l’idea di un futuro in politica l’ha sempre affascinata. Ma i pessimi rapporti che ha anche coi suoi stessi parenti americani (padre e sorellastra hanno già detto di non crederle, e detto che soffre di disturbi narcisistici della personalità) fanno pensare che difficilmente troverà qualcuno disposta a sostenerla. No, nemmeno Michelle.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy