Condividi:
151059886 661d58cd 83ba 4300 a211 b83cacb0d630 - Tamponi gratis al concerto, i social impallinano Ruggeri

“Al mio concerto senza Green Pass”, aveva promesso Enrico Ruggeri con post e tweet  alla vigilia della prima data del suo tour a Genova, indicando la possibilità di effettuare il tampone prima dello spettacolo grazie alla collaborazione con la Croce Bianca, per permettere a chi non aveva fatto il vaccino di poter accedere comunque e godersi lo show. Sperava di creare un precedente, è finito nel tritacarne di social. Riuscendo a mettere d’accordo tutti, nel tiro al cantautore. Se qualcuno plaude all’iniziativa infatti, altri – tanti – gli si sono letteralmente scagliati contro: no vax, si vax, destra, sinistra, comuni detrattori e gli immancabili leoni da tastiera.I più fieri nemici del Green Pass, estrrema destra inclusa, ad accusarlo di essersi piegato alla logica del controllo sociale, gli altri dandogli dell’irresponsabile.

E Rouge in mezzo, bombardato da due lati ‘fuoco amico’ compreso, a spiegare sempre attraverso i canali web che voleva solo regalare ai fan “la possibilità di vedere il concerto senza dover fare vaccini e spendere soldi per il tampone”. una sorta di ripartenza e sempre nel rispetto delle regole, dopo la grande crisi vissuta dal settore a causa del Covid. Perché non solo gli artisti bensì i musicisti, i tecnici, maestranze e  manovalanza tutta che gravitano attorno a uno show a fine mese hanno bollette da pagare e devono mangiare come tutti. Dopo un anno e mezzo di stop forzato, l’imperativo era tornare a fare tournée, facendo lavorare tutti.  Questa insomma era la “piccola grande vittoria” legata al tampone gratuito che decantava su Facebook e Instagram, tantopiù che ha decurtato una parte del suo cachet per sostenere tale iniziativa, come fa sapere il suo management. E che se andava bene a Genova, avrebbe fatto così per tutte le altre date.  Invece. C’è chi lo accusa di essersi “Piegato alle regole demenziali”, chi gli fa notare che “Tampone negativo = Green Pass… cosa hai inventato?!?! Neanche a cantare ti si sopporta…genio” , 

Tutto questo mentre sui social è scoppiata pure un’altra polemica, quella relativa all’evento di beneficenza  di Salmo a Olbia volta alla raccolta fondi per la Sardegna devastata dalle fiamme, che ha ammassato migliaia di persone senza il rispetto della normativa anticovid. Due prese di posizione differenti, dunque. Dal canto suo, Ruggeri ammette che di riuscire a beccarsi insulti da ambedue le fazioni solo per aver difeso diritti e cercato soluzioni non se lo aspettava proprio. “Sono stato il primo tra musicisti e addetti ai lavori a lanciare un grido di allarme, cercando di formulare proposte che dessero al nostro mondo dignità e lavoro, a lungo circondato da silenzi ai quali si aggiungevano congratulazioni e esortazioni ad insistere, tutte dette privatamente e in gran segreto”, scrive. “Non ho mai avuto paura, ho cercato soluzioni rispettando le opinioni di tutti. Ho deciso di tornare sul palco per non abbandonare ancora una volta tecnici, musicisti, e tante persone che vivono di musica e di spettacolo. Sono stato attaccato, offeso, minacciato, zittito, in un continuo gioco al massacro teso a delegittimarmi e a mettermi in un angolo. Per il concerto di stasera a Genova grazie alla buona volontà di tutti ho ottenuto la possibilità di effettuare tamponi gratuiti per consentire l’accesso a chi, non volendo o potendo vaccinarsi, potesse entrare al Porto Antico in tranquillità per se stesso e per gli altri: sono arrivati altri attacchi anche da personaggi pubblici, evidentemente spaventati da una diversa lettura del problema Covid. Forse sbaglio, dovrei rimanere nascosto nel gruppo, evitare di espormi. Purtroppo sono fatto così, credo nella libertà di pensiero, cerco di combattere ingiustizie e soprusi difendendo la mia visione delle cose”.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy