Condividi:

texas manifestante ucciso in una sparatoria a austin monta la protesta contro la polizia - Texas, manifestante ucciso in una sparatoria a Austin. Monta la protesta contro la polizia

AUSTIN – Un uomo è morto in una sparatoria durante una manifestazione contro la brutalità delle forze dell’ordine che si è tenuta sabato nel centro di Austin, in Texas.

In un breve briefing dopo mezzanotte, domenica, un portavoce della polizia ha detto che gli agenti stavano monitorando le proteste nel centro della città quando, poco prima delle 22 locali, è iniziata la sparatoria lungo il blocco 300 di Congress Avenue. La vittima aveva un fucile, si è avvicinato a un veicolo ed è stato ferito dall’occupante, anche armato. Trasportato al Dell Seton Medical Center, l’uomo è morto poco dopo per la ferita riportata.

Il sospetto è stato arrestato e ha collaborato con le indagini della polizia, ha detto ai giornalisti l’agente Katrina Ratcliff assicurando che nella sparatoria non ci sono state altre vittime.

Il giornalista Hiram Gilberto ha catturato il caos della fuga dei manifestanti dopo aver sentito almeno cinque spari in rapida successione. Gli amici dell’uomo che ha perso la vita lo hanno identificato per nome sui social media, dicendo che si occupava a tempo pieno della moglie che si trova su una sedia a rotelle. Altri lo hanno menzionato descrivendo il loro lavoro insieme per aiutare i membri della comunità dei senzatetto.

A protestor was shot with LIVE ROUNDS today. I was no more ten feet from the shooter and running towards his car. It was…

Pubblicato da Hiram Gilberto su Sabato 25 luglio 2020

Il giorno dopo la sparatoria, i manifestanti sono tornati in strada gridando ripetutamente il suo nome. Con sua moglie presente sul posto, nelle prime ore del mattino hanno improvvisato un memoriale, trasmesso in diretta da Gilberto su Fb.

La vittima era un bianco che lottava per la vita dei neri, così lo definiscono i presenti al memoriale: “Stasera, un uomo innocente che esercita il suo diritto al Primo e Secondo Emendamento è stato ucciso. Se questo non cambia il consiglio comunale e il direttore della città, nulla lo farà”, ha detto. “Sanno cosa è successo. Sono qui?”

I medici EMS della contea di Austin-Travis via Twitter hanno esortato i residenti a evitare il quartiere centrale.

Le continue proteste sono state scatenate dalla morte di George Floyd a Minneapolis per mano della polizia il 25 maggio, ma dimostrazioni più piccole e meno organizzate erano già iniziate localmente un mese prima, dopo la fatale sparatoria della polizia di Michael Ramos, un uomo disarmato ucciso dalla polizia di fronte a un complesso di appartamenti di South Austin.

I manifestanti ora chiedono la riforma delle forze dell’ordine, il direttore della città ha acconsentito in parte alle crescenti richieste suggerendo un taglio di circa 11,3 milioni di dollari dal budget del Dipartimento di Polizia di Austin (attualmente di 440 milioni di dollari). La maggior parte degli attivisti concorda sul fatto che il taglio proposto non sia adeguato. E chiede che la polizia non agisca più con senzatetto o con chi ha problemi mentali per lasciare che di loro si occupino professionisti formati in quelle aree.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Rispondi

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy