Condividi:

LONDRA – Nel palazzo di Westminster lo conoscevano tutti per almeno due ragioni. La prima è che David Amess, il deputato assassinato oggi a coltellate a 69 anni di età in una chiesa della contea dell’Essex, era un veterano della Camera dei Comuni, in cui era entrato quattro decenni fa, nel 1983, e a cui è sempre stato rieletto. 

E la seconda ragione è che era un arciconservatore: da sempre euroscettico, apparteneva all’ala del suo partito schierata decisamente per la Brexit nel referendum del 2016, nonostante il suo leader e allora primo ministro, David Cameron, fosse a favore della permanenza nell’Unione Europea. Ma l’acceso conservatorismo di Amess non si limitava a posizioni nazionaliste in politica estera, riguardava anche la sfera sociale, campo nel quale l’atteggiamento dei Tories è molto cambiato negli ultimi vent’anni, in particolare sui diritti delle donne e delle minoranze.

Di religione cattolica anziché anglicana come qui è la maggioranza della popolazione, sposato e padre di cinque figli, Amess ha votato contro l’aborto e contro il matrimonio gay, quest’ultimo diventato legge proprio su iniziativa del premier conservatore Cameron, che in un famoso discorso affermò: “La famiglia è un valore conservatore e tutti devono poterne avere una, compresi gli omosessuali”. Ma nemmeno questo fece cambiare idea a Amess, contrario a ogni tipo di diritto per la comunità Lgbt.

190020649 7eb58dd2 2e3b 4d7b a413 6704b9132add - Uk, David Amess: chi era il deputato conservatore ucciso a coltellate durante un incontro con gli elettori

Era anche molto severo sulla giustizia, al punto da battersi – in contraddizione con i suoi principi cristiani – per il ripristino della pena di morte. Ed è stato uno dei pochi deputati conservatori a votare per l’impeachment di Tony Blair a causa della guerra in Iraq.

Nell’Essex, la regione che rappresentava in Parlamento, fonte di innumerevoli battute in Gran Bretagna perché i suoi abitanti vengono  spesso descritti come burini, era molto popolare. Ma evidentemente non piaceva al giovane che lo ha assalito e ucciso a coltellate mentre riceveva gli elettori nell’ufficio che aveva all’interno di una chiesa, per ragioni che la polizia, dopo avere arrestato l’assassino, sta cercando di chiarire. 

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy