Condividi:
195133995 64392130 f0be 42e3 9303 a9f7e77e2498 - Usa, Kamala Harris: "Lo status delle donne è lo status della democrazia"

NEW YORK – “Lo stato delle donne è lo stato della democrazia” e l’amministrazione Biden lavorerà per migliorare entrambi, ha detto la vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris al suo debutto all’Onu, dove è intervenuta con un video messaggio alla 65ma Commissione sullo Stato delle donne, l’organismo globale delle Nazioni Unite che lotta per l’uguaglianza di genere.

Prima donna americana a ricoprire il suo ruolo, Harris ha citato la defunta first lady statunitense Eleanor Roosevelt, che aveva presieduto la commissione incaricata di stilare la bozza Dichiarazione universale dei diritti umani adottata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel dicembre 1948, dicendo: “Senza uguaglianza, non può esserci democrazia”.

L’esclusione delle donne nel processo decisionale – il suo obiettivo quest’anno – è “un indicatore di una democrazia imperfetta”, ha detto Harris sottolineando che la loro partecipazione “rafforza la democrazia”.  

Ma ha avvertito che la democrazia è “sempre più sotto pressione”, con “un preoccupante declino della libertà in tutto il mondo” negli ultimi 15 anni, e ricordato che gli esperti affermano che l’anno scorso “è stato il peggiore mai registrato per il mondo. deterioramento della democrazia e della libertà”.

L’amministrazione Biden è impegnata a sostenere “i valori democratici” nella Dichiarazione universale dei diritti umani, ha affermato Harris, “e crediamo fermamente che, quando lavoriamo insieme a livello globale, possiamo realizzare la visione al suo interno”.

La decisione di far pronunciare a Harris il discorso negli Stati Uniti ha segnato un passo avanti rispetto alla rappresentanza di rango inferiore dell’amministrazione Trump alle riunioni della commissione e riflette l’impegno del presidente Joe Biden ad espandere il numero di donne nei ruoli decisionali di alto livello e il multilateralismo dopo lo slogan del suo predecessore ”America First”.

Harris ha affermato che gli Stati Uniti stanno rafforzando il loro impegno con le Nazioni Unite e il più ampio sistema internazionale, ricordando la ripresa del dialogo con l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) delle Nazioni Unite, il ritorno nel Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite e la rivitalizzazione della partnership con UN Women “per aiutare a dare potere alle donne in tutto il mondo”.

La direttrice esecutiva di Un Women Phumzile Mlambo-Ngcuka, aprendo i lavori della Commissione, ha citato una serie di sviluppi positivi tra cui l’aumento delle donne ministre negli Stati Uniti dal 17% nel 2020 sotto l’ex presidente Donald Trump al 46% nel gabinetto di Biden, “un massimo storico”.

Harris ha indicato altri segni di progresso: più donne che uomini che hanno votato in ogni elezione presidenziale negli ultimi 56 anni, più donne che mai in servizio nel Congresso degli Stati Uniti, più donne capofamiglia, donne che diventano i principali decisori a livello locale, statale e nazionale governi, e il fatto che Biden la scorsa settimana abbia nominato donne a capo di due degli 11 comandi di combattimento militari americani.

Harris ha anche detto che la pandemia Covid-19 “ha minacciato la sicurezza economica, la sicurezza fisica e la salute delle donne ovunque”.

Quando le donne affrontano ostacoli a un’assistenza sanitaria di qualità, si preoccupano del cibo per le loro famiglie, vivono in povertà, sono più vulnerabili alla violenza di genere e sono colpite in modo sproporzionato dai conflitti e dai cambiamenti climatici, ha detto Harris, è più difficile per loro “partecipare pienamente nel processo decisionale”. “Il che, a sua volta, rende molto più difficile il prosperare delle democrazie”.

Tuttavia, Harris ha sottolineato l’impegno dell’amministrazione Biden per migliorare la democrazia e l’emancipazione delle donne e, in un’altra inversione rispetto all’era Trump, a “collaborare con tutti voi nei giorni e negli anni a venire”.

“Guardando in giro per il mondo, sono ispirata dai progressi che si stanno facendo”, ha detto. “E sono orgogliosa di riferire che, mentre gli Stati Uniti hanno ancora lavoro da fare, anche noi stiamo facendo progressi e che le donne rafforzano la nostra democrazia ogni giorno”.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy