Condividi:

L’ultimo aggiornamento sulla campagna vaccinale indica un aumento di somministrazioni rispetto alla settimana scorsa pari a 3 milioni 513.802, con una media giornaliera superiore al mezzo milione. Il numero è infatti salito da 26 milioni 141.926 somministrazioni, registrate il 14 maggio alle ore 17, alle 29 milioni 655.728 rilevate una settimana dopo alla stessa ora. È quanto emerge dal  report settimanale delle vaccinazioni in Italia, a cura del Commissariato di Francesco Figliuolo. E oggi è stata superata la soglia simbolica delle 30 milioni di dosi somministrate. 

Gli incrementi più importanti delle dosi somministrate riguardano la fascia 70-79 anni, salita a livello nazionale dal 75,16% al 79,45% di prime somministrazioni (+4,29).

Molte Regioni hanno aumentato il passo per ciò che riguarda una delle categorie più vulnerabili, facendo registrare variazioni di circa il 7% rispetto alla settimana precedente, dato superiore a quello medio nazionale, si legge ancora nella nota del Commissariato. Anche la fascia over 80 fa registrare dati positivi, con un 89,60% e un 79,69% rispettivamente di prime e seconde somministrazioni, che vede il numero di persone in attesa di prima dose scendere per la prima volta sotto il mezzo milione (472.202 contro 519.666 la settimana passata).

Infine il dato sulle Rsa: supera il 98% la percentuale degli ospiti che hanno ricevuto la prima dose. Cresce inoltre di 109 unità il numero dei punti vaccinali, che raggiunge quota 2.659.

Le linee guida di Figliuolo: “Coinvolgere di più medici e pediatri di famiglia e farmacisti”

Il commissario Figliuolo per l’emergenza ha firmato ieri nuove linee guida “per la prosecuzione della campagna vaccinale”, nelle quali si invitano le Regioni ad aumentare in “modo graduale” il coinvolgimento nella campagna di medici e pediatri di famiglia, farmacisti e altri operatori del servizio sanitario. Contribuiranno alle “vaccinazioni giornaliere, mantenendo, in una fase intermedia e di transizione dello sviluppo del piano, completamente operativi gli hub vaccinali”.

Figliuolo ribadisce che i centri nevralgici per la somministrazione sono stati fino ad ora i 2.600 punti di somministrazione, in hun e altre strutture regionali e della Difesa. “L’efficacia della campagna vaccinale è direttamente correlata alla rapidità con cui viene svolta (approccio quantitativo) ma anche alla immunizzazione efficace dei target di popolazione più suscettibili di sviluppare una forma di malattia grave (approccio qualitativo). Pertanto, vaccinare rapidamente il maggior numero di persone è un requisito importante tenendo sempre prioritario il completamento della copertura della popolazione vulnerabile e fragile”. Per questo si coinvolgeranno anche i professionisti sanitari. Il numero di chi tra loro ha deciso di partecipare alla campgana “è già oggi considerevole e permetterebbe di incrementare notevolmente la capacità di inoculazione giornaliera, pur tenendo in debito conto le maggiori difficoltà logistiche connesse alla distribuzione e conservazione dei vaccini”. Le Regioni sono dunque invitate ad aumentare “in modo graduale” il contributo assicurato da quelle categorie.

Sui sessantenni si deve correre di più

La campagna vaccinale viaggia veloce e raggiunge ormai il mezzo milione di dosi al giorno di media ma il numero di sessantenni coinvolti non torna a crescere. Negli ultimi sei giorni hanno avuto la prima dose circa 450mila persone in questa fascia di età contro le 879 mila della settimana conclusa il 16 maggio e le 953mila di quella precedente (fino al 9 maggio). In dati si riferiscono a questa mattina ma difficilmente tra oggi e domani si faranno 400mila dosi a queste persone. Prosegue quindi il calo del coinvolgimento di una classe di età comunque a rischio se prende la malattia ma la cui copertura con la prima dose è ancora poco sotto il 65%. Non per niente Figliuolo da giorni invita le Regioni a concentrarsi sui più anziani ancora scomperti. Non solo i sessantenni ma anche settantenni e ottantenni.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy