Condividi:

Venticinque militari sono morti, inghiottiti dalle fiamme, dopo essere riusciti a salvare più di 100 cittadini dagli incendi divampati sulle montagne di Bejaia e Tizi Ouzou, a est della capitale Algeri. Lo ha comunicato il presidente algerino Abdelmadjid Tebboune. Sono decine i roghi scoppiati nelle colline boscose della Cabilia, alimentati delle altissime temperature e delle condizioni di siccità, costati la vita ad almeno 65 persone.

Incendi, nella mappa interattiva della Nasa le aree più colpite negli ultimi vent’anni

785966 thumb rep 10082021 mappa incendi - Algeria, incendi nella foresta alle porte della capitale: almeno 65 morti

Le fotografie pubblicate sui social media mostrano enormi pareti di fiamme e nuvole di fumo che sovrastano gli alberi carbonizzati. Il presidente ha twittato le sue condoglianze per i 25 militari. Il ministero della Difesa ha detto che grazie a loro “sono state salvate 110 persone: uomini, donne e bambini”.

Complessivamente sarebbero 103 gli incendi scoppiati in 17 regioni del Paese, secondo l’agenzia di stampa statale Aps che cita l’autorità forestale.

Mediterraneo in fiamme: dall’Italia alla Grecia passando per Egitto e Turchia, le immagini shock

786018 thumb rep s210810 blob incendi corretto du - Algeria, incendi nella foresta alle porte della capitale: almeno 65 morti

Il primo ministro Ayman Ben Abdel Rahman ha affermato che gli incendi sono stati appiccati deliberatamente. Secondo i media algerini, tre persone sospettate di incendio doloso sono state arrestate nella provincia di Medea, 80 chilometri a ovest di Algeri. Le temperature stanno aumentando vertiginosamente in tutto il Paese, raggiungendo i 46°.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy