Condividi:
112749916 58efcc27 b112 4eb8 85e7 1681a9215535 - Ashli Babbit, la veterana morta negli scontri: "Oscureremo la luce"

WASHINGTON – Quattro morti è il bilancio diffuso nella notte a Washington, dopo l’irruzione al Congresso dei sostenitori del presidente Trump. La prima vittima è stata una donna che aveva fatto irruzione al Congresso mentre i lavori parlamentari erano in corso: è morta in ospedale dopo essere stata raggiunta da un colpo di arma da fuoco esploso da un poliziotto di guardia, vestito in abiti borghesi. Si chiamava Ashli Babbitt, viveva a San Diego, nel sud della California, ed era una veterana dell’aeronautica, fan di Trump. E’ stata colpita al petto dal colpo di pistola dell’agente e un’inchiesta è stata aperta per far luce sull’accaduto.

L’ex militare era sposata, ma era andata a Washington da sola come ha raccontato il marito a un network locale. «Non so proprio perché l’abbia fatto», ha poi detto sua suocera a Fox 5. Sul suo profilo Twitter, si presentava come una “ex combattente per la libertà”, dichiarando l’amore che portava al suo Paese. Aveva recentemente ritwittato molti messaggi di manifestanti pronti ad andare a Washington per rispondere al richiamo di Trump. La Ashli così aveva risposto a una donna che si lamentava del fatto che il suo volo verso la capitale americana era stato annullato: «Nulla ci fermerà. Potranno provare a fermarci, ma la tempesta si abbatterà su Washington in meno di 24 ore. E oscureremo la luce!».

Sui social utenti di opposte fazioni stanno usando il nome di Babbit per puntare il dito contro la repressione della manifestazione o – dall’altra parte – per dire che si è trattata della morte di “una terrorista interna”. Qualcuno ha anche postato foto della donna con il volto sanguinante.

«A perdere la vita, in altri episodi di violenza, anche altre due donne e un uomo», ha dichiarato il capo della polizia Robert Contee, senza aggiungere altri dettagli né specificare se si tratta di manifestanti o meno. «Le cause della loro morte potrà essere stabilita e dunque trasmessa alla stampa solo dopo un’autopsia», ha aggiunto Contee. Feriti nei disordini anche almeno 14 agenti della polizia metropolitana. I dati sono stati trasmessi dal sindaco Muriel Bowser nel corso di una conferenza stampa, mentre agenti in tenuta antisommossa presidiavano l’area di Capitol Hill dopo l’assalto di ieri. La polizia ha confermato che sono stati rinvenuti ordigni esplosivi davanti al quartier generale sia del Dnc (Democratic National Convention) e sia dell’Rnc (Republican National Convention). E’ stato inoltre individuato un veicolo vicino al Congresso con un fucile e molotov.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy