Condividi:
foto 2 - Chi ha trascurato il diabete in pandemia, fino a luglio va gratis dal medico

Durante la pandemia molte persone hanno ritardato o smesso di pianificare visite specialistiche. Tra loro, anche pazienti affetti da diabete di tipo 2. Una patologia cronica che invece necessita di un costante controllo nell’ottica di prevenirne le complicanze. Soprattutto cardiovascolari e renali. Per recuperare il tempo perso, intercettare i pazienti rimasti nel limbo e supportarli in un primo momento con visite gratuite dal medico, è nata l’iniziativa Pronto Diabete.

Chi può andare gratis dal medico?

In questo articolo

Durante la campagna – attiva per tutto il mese di giugno e luglio – i pazienti diabetici che da più di un anno non hanno contatti con uno specialista oppure non hanno una visita programmata nei prossimi 6-12 mesi, potranno prenotare facilmente una consulenza gratuita con un diabetologo, presso gli ambulatori dei medici di medicina generale, chiamando il numero verde 800 042747. L’altra strada per accedere all’iniziativa passa attraverso lo screening proattivo dei medici di famiglia. Gli esperti potranno individuare tra i loro pazienti chi rientra nelle casistiche e arruolarli per la consulenza diabetologica.

Connettere medici di famiglia e diabetologi

La campagna vuole favorire uno scambio di esperienze tra diabetologi e medici di famiglia. «Per una gestione più efficace ed efficiente della cronicità del diabete» spiega Agostino Consoli, presidente eletto della Società Italiana di Diabetologia (Sid). Perché in effetti se il medico di medicina generale è il “principale depositario” della salute del paziente, il diabetologo gioca un ruolo nodale nel trattamento dei casi più complessi.

«L’attività di prevenzione è il cuore della medicina generale. Per questo abbiamo voluto offrire le consulenze all’interno delle strutture dei medici di famiglia» conviene Gerardo Medea, responsabile nazionale Area Metabolica della Società Italiana Medicina Generale (Simg). «La gestione integrata e la presa in carico del paziente cronico con diabete di tipo 2 può consolidare mutualmente esperienza e competenze tra i medici. Ma anche promuovere una più efficace autonomia prescrittiva. Ad esempio dei farmaci ipoglicemizzanti utili ai pazienti precoci o a rischio di complicanze cardiovascolari o renali».

Il diabete nel mondo e in Italia

Trattare e frenare il diabete è importante perché nel mondo sta raggiungendo cifre importanti. Sono circa 425 milioni le persone che convivono con la patologia a livello globale. Mentre in Italia si stimano 4 milioni di pazienti, a cui si aggiunge un sommerso di circa un milione e mezzo. La forma più diffusa (riguarda oltre il 90% dei casi) è il diabete di tipo 2.

L’iniziativa ha ottenuto il patrocinio su tutto il territorio nazionale dalla Società Italiana di Diabetologia (Sid), l’Associazione Medici Diabetologi (Amd) e la Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (Simg). Con l’adesione di Diabete Italia Onlus e in partnership con Astra Zeneca. Maggiori informazioni sul sito di Pronto Diabete.

Leggi anche…

Fonte : Ok Salute

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy