Condividi:

Le persone non vaccinate corrono un rischio di morire per il Covid undici volte superiore a quello delle persone che hanno ricevuto entrambe le dosi. È il risultato di uno studio pubblicato dal Centers for Disease Control statunitense, l’agenzia federale che gestisce la risposta medica alla pandemia.

I dati riguardano la situazione negli Usa durante la primavera e l’estate: tengono quindi conto della diffusione della variante Delta, contro la quale le somministrazioni di Pfizer-BioNTech, Moderna e Johnson & Johnson (negli Stati Uniti AstraZeneca non è stato distribuito) hanno continuato a dimostrarsi efficaci. Dalla ricerca emerge come i non vaccinati abbiano anche una possibilità di venire ricoverati in ospedale a causa del virus dieci volte più alta rispetto ai vaccinati. E si tratta di un’analisi basata su 600 mila pazienti colpiti dal virus in tredici Stati.

Un secondo studio invece sostiene che i vaccini nell’86% dei casi impediscono che la malattia diventi così grave da obbligare al ricovero. Separando i tipi di dose, la percentuale sale al 95% nel caso di Moderna, mentre Pfizer protegge l’80% degli immunizzati e J&J il 60%. Anche questa ricerca, realizzata prendendo in considerazione le cartelle cliniche di 32 mila pazienti, riguarda sempre il periodo di massima diffusione della variante Delta a cui attualmente viene attribuito il 99% dei nuovi contagi.

“Abbiamo gli strumenti scientifici per mettere nell’angolo la pandemia. I vaccini funzionano e ci proteggono dalle complicazioni provocate dal Covid”, ha dichiarato il direttore del Cdc Rochelle Walensky: “Ci tengo a ricordare che oggi il 90 per cento delle persone che finiscono in ospedale a causa del virus non sono vaccinate”.

Gli studi sono stati presentati all’indomani della decisione del presidente Biden di intensificare l’obbligo di vaccino, estendendolo ai dipendenti federali e ipotizzando anche di introdurlo nelle aziende private con più di cento lavoratori. E vengono considerati dalla Casa Bianca come la conferma scientifica della campagna di vaccinazione, che rimane valida anche davanti alla proliferazione delle nuove varianti.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy