Condividi:

Il gup della Capitale ha assolto “perché il fatto non sussiste” l’appuntato dei carabinieri, Riccardo Casamassima, accusato di spaccio di droga. Casamassima è uno dei testimoni “chiave” della procura nel processo sulla morte di Stefano Cucchi quando raccontò ai pm del pestaggio avvenuto in caserma, molti anni dopo i fatti.

Assolta, al termine di un’udienza svoltasi in abbreviato, anche la compagna di Casamassima, Maria Rosati. I fatti contestati si riferivano al 2014, quando il nome di Casamassima spuntò in un’intercettazione a carico di altri indagati nell’ambito di un’inchiesta su un giro di estorsione. Il pm aveva chiesto 3 anni di reclusione per il carabiniere e 2 anni e mezzo per la sua compagna.

“Riccardo Casamassima e Maria Rosati sono stati assolti con formula piena dall’accusa di spaccio di sostanze stupefacenti. Io e Fabio siamo molto felici. Dopo tanto fango è il momento che in molti chiedano scusa anche a loro”.

Lo ha dichiarato in un post su Facebook Ilaria Cucchi, parlando anche a nome dell’avvocato Fabio Anselmo, a proposito dell’assoluzione dall’accusa di spaccio di stupefacenti del carabiniere (e della sua compagna), tra i testimoni chiave di quanto avvenuto in caserma la sera in cui Stefano Cucchi venne arrestato e picchiato.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy